Animali

Perché alcuni orsi neri stanno diventando rossi?

In alcune zone degli Stati Uniti si sta diffondendo una variante genetica che rende rosso il mantello degli orsi neri.

Ursus americanus è il nome latino di quello che chiamiamo "orso nero", ma che probabilmente dovremo abituarci a chiamare con il suo altro nome, cioè "baribal". Questo perché… non tutti gli orsi neri sono neri, e anzi una mutazione genetica comparsa per la prima volta negli Stati più occidentali d'America si sta diffondendo sempre di più, virando il colore del loro mantello verso una sfumatura di rosso. Lo dimostra uno studio pubblicato su Current Biology che traccia le origini di questa mutazione e prova anche a ipotizzare come mai stia avendo successo.

Rosso a ovest, nero a est. Lo studio, una collaborazione internazionale tra Stati Uniti e Giappone, ha analizzato il DNA di 151 esemplari di orso nero in Nord America, scoprendo innanzitutto che gli animali che vivono più a ovest (Nevada, Arizona, Idaho) hanno una probabilità maggiore di avere il pelo rosso (color cannella, per la precisione, stando allo studio) rispetto a quelli che stanno sulla costa est. Il team ha anche individuato il gene, chiamato TYRP1, e la mutazione responsabile del cambio di colore: chiamata R153C, è una variante simile a quella che in noi umani contribuisce a causare l'albinismo, schiarendoci i capelli e la pelle. Gli orsi rossi, però, non hanno gli stessi problemi di vista presenti nelle persone albine, e in generale non mostrano differenze apprezzabili con gli orsi neri, colore a parte.

 

A cosa serve? D'altra parte, lo studio non è riuscito a individuare neanche quali possano essere i vantaggi della pelliccia rossa: per esempio non sembra aiutare nella termoregolazione (si pensava che un pelo più chiaro potesse avere un effetto sulla temperatura corporea), né nella competizione con altre specie di orso di colore simile (il bruno e il grizzly); nello studio si legge che comunque l'ipotesi più accreditata rimane quella che sia un adattamento che dà un qualche vantaggio. Infine, la questione geografica: la mutazione è comparsa per la prima volta nell'ovest degli Stati Uniti circa 9.000 anni fa, e da allora non ha avuto abbastanza tempo per distribuirsi nel resto d'America, perché per arrivarci gli orsi rossi dovrebbero fare un giro molto lungo per evitare le pianure statunitensi, e passare dal Canada. Ecco perché ci sono più orsi rossi a ovest: la mutazione si sta spostando verso est, ma lo fa molto lentamente.

29 dicembre 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us