Animali

Per fare una foresta ci vuole uno scoiattolo

Gli scoiattoli grigi aiutano le foreste del Nord America a crescere. Quelli rossi, no. Perché? Tutta colpa del modo con cui accumulano le noccioline.

Per fare una foresta ci vuole uno scoiattolo
Gli scoiattoli grigi aiutano le foreste del Nord America a crescere. Quelli rossi, no. Perché? Tutta colpa del modo con cui accumulano le noccioline.

Uno scoiattolo grigio (Sciurus carolinensis) a sinistra e uno rosso (Tamiasciurus hudsonicus) a destra. Il primo contribuisce alla crescita delle foreste. L'altro, no.
Uno scoiattolo grigio (Sciurus carolinensis) a sinistra e uno rosso (Tamiasciurus hudsonicus) a destra. Il primo contribuisce alla crescita delle foreste. L'altro, no.

Per fare un albero ci vuole un seme, per fare il seme ci vuole uno scoiattolo… Ebbene, sì, il futuro delle foreste dipende da come gli scoiattoli fanno le provviste per l'inverno. Lo hanno dichiarato i ricercatori della Perdue University, nell'Indiana (USA), in seguito a uno studio condotto sulle modalità di accumulo del cibo di esemplari di due specie diverse. Gli scoiattoli grigi (Sciurus carolinensis) utilizzano un sistema “dispersivo”, ossia sotterrano singole noccioline, noci e ghiande in numerosi posti; gli scoiattoli rossi del Nord-America (Tamiasciurus hudsonicus) praticano “l'accumulo dispensa”, cioè le noccioline vengono raccolte e sistemate in grandi mucchi sopra la superficie del terreno.
Come si collega il comportamento di questi animali al futuro delle foreste? È tutta una questione di semi: gli scoiattoli grigi, sotterrandoli, fanno in modo che non si secchino e che possano germogliare anche in modo ben distribuito; le provviste dei “rossi”, invece, diventano vere e proprie trappole di morte per i semi
Foreste a rischio? I Tamiasciurus hudsonicus si sono distribuiti nell'Indiana in concomitanza al declino della specie locale, rappresentata dagli scoiattoli grigi, causato dalla conversione all'agricoltura intensiva di vaste porzioni della regione centrale degli Stati Uniti. La specie “oriunda” non riesce a compensare l'attività disseminatrice dei “grigi” e, dunque, a procurare il ripopolamento dei territori riconvertiti. «Esemplari della specie locale sono necessari per la rigenerazione delle foreste dal momento che forniscono l'unico meccanismo che permette l'allontanamento dei semi dall'albero-madre, assicurando dei successori» ha dichiarato Robert Swihart, professore di ecologia della natura.

(Notizia aggiornata al 7 dicembre 2003)

6 dicembre 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us