Animali

Guardate quest'orca con il piccolo delfino: lo ha adottato o invece rapito?

Al largo dell'Islanda è stata avvistata un'orca accompagnata da un cucciolo di globicefalo: è il primo caso mai osservato di un'orca che si prende cura del cucciolo di un'altra specie. 

Nell'agosto del 2021, Marie-Thérèse Mrusczok stava navigando al largo dell'Islanda su una barca per il whale watching. Mrusczok è una ricercatrice del West Island Nature Research Center, ed è la fondatrice della no profit Orca Guardians, che si occupa di ricerca e conservazione delle orche. Dal 2011 studia i pod islandesi (i gruppi familiari in cui si organizzano le orche), e la loro interazione con le altre specie di cetacei dell'area.

Un paio di estati fa, è stata proprio una di queste interazioni a colpirla: un'orca femmina nuotava (in basso, il video) in compagnia di un cucciolo di globicefalo (Globicephala melas), un delfino che vive nelle stesse acque e che è spesso in competizione proprio con le orche. Ora Mrusczok ha pubblicato lo studio relativo a quell'incontro, e al destino dell'improbabile coppia, sul Canadian Journal of Zoology.

Mamma o nonna? Lo studio documenta il primo caso mai osservato di un'orca che si prende cura del cucciolo di un'altra specie. Perché non c'è dubbio che l'animale si stesse comportando come una madre surrogata con il piccolo globicefalo, proteggendolo e aiutandolo a nuotare. Il cucciolo, però, era in cattive condizioni di salute e particolarmente malnutrito, e nel corso delle osservazioni l'orca non ha mai dato segno di accorgersene e di provare a nutrirlo.

Secondo Mrusczok c'è una spiegazione anche a questa "mancanza": l'orca, chiamata Sædís, è un esemplare anziano e, nei nove anni durante i quali la ricercatrice l'ha studiata da vicino, non ha mai avuto un figlio, probabilmente perché è troppo vecchia per produrre latte. In altre parole, Sædís stava "facendo la mamma" al meglio delle sue possibilità, che però non si sono dimostrate sufficienti per salvare il cucciolo: quando l'orca è stata nuovamente avvistata, nel 2022, era da sola, ed è probabile che il globicefalo sia morto.

LA TEORIA DEL RAPIMENTO. Rimane il mistero del come e perché un'orca abbia "adottato" il cucciolo di un'altra specie. La spiegazione più semplice è che l'animale si fosse perso o fosse stato in qualche modo costretto a separarsi dal pod, e che Sædís abbia deciso di adottarlo (il perché bisognerebbe chiederlo a lei).

L'altra ipotesi è che il cucciolo sia stato rapito. Orche e globicefali si scontrano spesso nelle acque islandesi, e la dinamica degli scontri è sempre la stessa: le orche attaccano, i globicefali le respingono, le orche si allontanano per un po', poi ritornano all'attacco.

Secondo Mrusczok, è possibile che in queste occasioni Sædís stesse cercando di arrivare ai cuccioli per "rubarne" uno, e che alla fine ci sia riuscita.

14 marzo 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us