Nuove specie sulle montagne africane

Anni di ricerca degli zoologi del MUSE - Museo di storia naturale di Trento hanno scoperto e descritto numeroose specie di anfibi e rettili sulle montagne di Kenya e Tanzania

La foresta dei Monti Udzungwa, Tanzania centro-meridionale; lo studio rivela che queste montagne contengono il maggior numero di specie (46) a distribuzione ristretta nell’Arco Orientale di cui 20 sono presenti esclusivamente in queste montagne.

Arthroleptis nguruensis

Una femmina di Callulina hanseni

Una delle 20 nuove specie di anfibi riportate dallo studio, Callulina meteora, è un piccolo rospo scoperto nei monti Nguru e descritto nel 2011; vive in una ristrettissima area di foresta sommitale, a circa 2000 m di quota ed è considerata a grave rischio di estinzione.

Foresta umida montana dei monti Nguru, Tanzania centrale, una delle aree che non era stata esplorata prima dello studio e che si è rivelata di straordinaria importanza biologica, con 35 specie a distribuzione ristretta nell’Arco Orientale di cui 7 presenti esclusivamente in quest’area.

Una nuova specie del genere Nectophrynoides

Una specie appena scoperta del genere Petropedetes.

Il sengi, o toporagno-elefante gigante (Rhynchocyon udzungwensis), scoperto nel 2005 nei Monti Udzungwa, è l’unico nuovo mammifero ad essere stato scoperto nel periodo di studio.

Un curioso camaleonte di foresta, uno dei 3 nuovi rettili riportati nello studio; appartiene al genere Kinyongia ed è stato scoperto nei monti Mahenge della Tanzania.

Una delle 20 nuove specie di anfibi riportate dallo studio, Callulina meteora.

La foresta dei Monti Udzungwa, Tanzania centro-meridionale; lo studio rivela che queste montagne contengono il maggior numero di specie (46) a distribuzione ristretta nell’Arco Orientale di cui 20 sono presenti esclusivamente in queste montagne.