Animali

MeteoMeduse: nell'Adriatico è tornata la più grande medusa del Mediterraneo

Grazie a MeteoMeduse.focus.it è stata segnalata dai cittadini e dei pescatori la Drymonema dalmatium, la specie più grande de Mediterraneo. Non veniva avvistata nei nostri mari da 100 anni. 

Sono stati avvistati nell'Alto Adriatico, dopo quasi 100 anni, tre esemplari della più grande medusa del Mediterraneo: la Drymonema dalmatinum, specie urticante molto rara che arriva a misurare fino a un metro di diametro. La segnalazione è arrivata a Ferdinando Boero, biologo marino dell'Università del Salento e Cnr-Ismar, tramite MeteoMeduse.


Per la precisione, il primo avvistamento è stato al largo di Lignano Sabbiadoro. Gli altri due sono stati a Pirano d'Istria e a Muggia. Drymonema dalmatinum è parente di Cyanea capillata, la medusa più grande del mondo (anche 2 metri di diametro) che vive nel Mare del Nord e in Atlantico.

Urticante ma molto rara. Ferdinando Boero racconta come sono avvenute le tre segnalazioni. «L’attenzione sollevata da MeteoMeduse ha fatto sì che la foto di Gigi Paderni, lettore di Focus esperto in fotografia subacquea, ci fosse mandata da Saul Ciriaco dell’Area Marina Protetta di Miramare, nel Golfo di Trieste. E sempre dall'AMP Miramare ci sono giunti gli altri due avvistamenti».

Sottolinea il biologo marino: «Non si tratta quindi, come scrivono alcuni seminando allarmismo, di un'invasione di meduse giganti, ma di tre avvistamenti. Inoltre, è vero che questa specie è molto urticante, ma è talmente rara che non mi risulta abbia mai punto qualcuno».

Sparita dal secolo scorso. Drymonema dalmatinum è stata descritta dal naturalista tedesco Heckel per la prima volta nell’1880 nelle coste della Dalmazia. Per molti anni quella descrizione è stata l'unica testimonianza dell'esistenza di questa specie, ma nel 1940 un altro ricercatore l'ha ritrovata sempre sulle coste orientali dell'Adriatico. Poi più nulla, per decenni.

Addormentata sul fondo. Ma dove era finita Drymonema in tutti questi anni? Secondo l'esperto, probabilmente questa specie è rappresentata da una forma poco numerosa, che vive attaccata al fondo. «Questo stadio del ciclo biologico delle meduse si chiama polipo (da non confondersi col polpo, che è un mollusco) e i polipi possono vivere anche decenni senza produrre meduse. Possono passare anni “dormendo”, per poi risvegliarsi all’improvviso e mettersi a produrre meduse», conclude Boero.

7 luglio 2014 Fabrizia Sacchetti
Tag ambiente - animali -
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us