Animali

Nel Mediterraneo ci sono due acciughe, non una

Una ricerca per scoprire perché le acciughe sottocosta sono migliori di quelle di mare apereto. E una sorpresa.

Nel Mediterraneo ci sono due acciughe, non una
Una ricerca per scoprire perché le acciughe sottocosta sono migliori di quelle di mare apereto. E una sorpresa.

Alcune scatole di acciughe. La scienza ha stabilito che esistono due specie diverse di acciughe.
Alcune scatole di acciughe. La scienza ha stabilito che esistono due specie diverse di acciughe.

I buongustai si erano già accorti che le acciughe del Mediterraneo hanno un gusto diverso quando vengono pescate sottocosta rispetto a quelle catturate in mare aperto. Che però questa differenza fosse dovuta a un fatto genetico non era venuto in mente a nessuno. Finché all'Ird (Istituto di ricerca per lo sviluppo) di Parigi si sono accorti, studiando campioni di acciughe pescate nel Mediterraneo tra 1980 e 1996, che nel Mare Nostrum non vive una sola specie del diffuso pesce, ma due.
Che specie è? Di taglia vicina ai 15 centimetri, l'acciuga vive in banchi fino a 150 metri di profondità. Finora era nota agli studiosi con il nome scientifico di Engraulis encrasicolus; si dovrà ora trovare il modo di classificare le due specie diverse. Individuate facendo ricorso a tecniche di biologia molecolare, non è chiaro come si siano separate, anche perché vivono in zone con diversi punti di contatto tra loro. Una cosa è certa: imparare a riconoscerle potrebbe avere anche un'importanza economica. Le acciughe costiere, che generalmente non superano i 12 centimetri, sono più saporite e, di conseguenza, più ricercate sui mercati francese, italiano e spagnolo.

(Notizia aggiornata al 31 luglio 2003)

30 luglio 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us