Animali

Forse gli inventori della musica non siamo noi umani

Nella discussione sulle origini della musica, una nuova ipotesi: l'invenzione si deve forse ai primati ed è legata all'abilità di saltare tra gli alberi.

Com'è nata la musica e perché? Ma anche: che cos'è, la musica, e chi l'ha inventata? I canti degli uccelli sono classificabili come musica oppure il termine si applica solo alla produzione umana? Le domande che orbitano attorno alla musica sono tante, ogni anno spuntano nuove teorie che provano a dare risposte, talvolta sono contrasto tra loro, e in qualche caso ci costringono a ripensare quello che sappiamo.

Siamo noi gli inventori o... Una delle domande più importanti tra quelle ancora senza risposta è: la musica è stata inventata da noi umani, oppure i nostri primi vocalizzi hanno un collegamento con quelli dei nostri parenti primati? Un nuovo studio pubblicato su bioRxiv propone una risposta, che collega il canto con le capacità acrobatiche di una specie.

Secondo David Schruth, primo autore dello studio, e i suoi colleghi, le origini della musica e del canto risalgono a circa 50 milioni di anni fa, quando comparvero i primi primati. I nostri antenati vivevano nella foresta, e si muovevano saltando di albero in albero toccando terra il meno possibile – un metodo di locomozione rapido ma anche pericoloso, che richiede grande coordinazione e controllo del proprio corpo per non risolversi in una rovinosa caduta al suolo. Il team di Schruth ha studiato le vocalizzazioni emesse da più di 50 diverse specie di primati, e ha scoperto che più una specie si affida alla locomozione arborea per spostarsi, più utilizza per comunicare richiami complessi e definiti (nello studio) "protomusicali".

L'interpretazione del team della Washington State University è che un richiamo modulato, complesso e musicale è una dimostrazione indiretta del fatto che l'animale in questione ha grande controllo sui suoi muscoli, compresi quelli che servono per non precipitare a terra saltando tra un albero e l'altro. Il canto umano, quindi, sarebbe un'evoluzione di questi richiami, e sarebbe nato come una sorta di autopromozione.

Accordi e disaccordi. Schruth è convinto che ci sia una continuità evolutiva tra i richiami dei primati e il canto umano, ma spiega anche che l'interpretazione proposta dal suo studio dipende anche, come sempre quando si parla di musica, dal significato che si dà alla parola: ci sarà sempre chi sostiene che i richiami dei primati non siano musica e individua una discontinuità tra i versi degli animali e il canto umano; per loro la musica resta un'invenzione esclusivamente umana e difficilmente potrà accettare questa teoria.

25 gennaio 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us