Animali

La morìa dei ricci di mare nel Mediterraneo

I ricci di mare che vivono tra il Mar Mediterraneo e il Mar Rosso stanno morendo in massa, creando problemi anche alla barriera corallina.

I ricci di mare sono tra gli animali più importanti per la salute dell'ecosistema in cui vivono; nelle barriere coralline in particolare la loro presenza è essenziale, perché si nutrono delle alghe che, se lasciate libere di moltiplicarsi, soffocherebbero i coralli causando problemi a tutto l'ambiente.

Ecco perché di fronte a una morìa di massa c'è sempre da preoccuparsi: è quello che sta succedendo nel golfo di Aqaba, nel Mar Rosso, e nel vicino Mediterraneo, dove il riccio diadema (Diadema setosum) sta rapidamente soccombendo a un patogeno, esponendo le barriere coralline dell'area a una serie di rischi che potrebbero devastarle nei prossimi anni. La situazione è spiegata in uno studio pubblicato su Royal Society Open Science. 

Morìe in tutto il mondo. Il riccio diadema non è, in origine, un abitante del Mediterraneo. È diffuso in tutto il mondo, dal Giappone fino al Mar Rosso, ma è arrivato nel nostro mare solo nel 2006, in Turchia. Da lì ha cominciato a diffondersi, dapprima lentamente, poi, dal 2018, sempre più rapidamente, con le popolazioni di Grecia e Turchia che sono cresciute fino a comprendere centinaia di migliaia di esemplari.

Il problema è che, quasi immediatamente, sono arrivate anche le prime segnalazioni di morìe di massa nel Mediterraneo, molto simili per decorso e sintomi a quelle avvenute dall'altra parte del mondo, nei Caraibi, sia negli anni Ottanta sia nel 2022. La prima reazione al tempo fu di dire "bene! Il riccio diadema è una specie invasiva nel Mediterraneo, e se muore è meglio per i ricci locali". Il problema è che il nostro mare è a due passi, geograficamente parlando, dal Mar Rosso, dove vivono invece popolazioni native di ricci di mare diadema. 

Il salto del patogeno. E infatti negli ultimi due mesi il patogeno che attacca i ricci di mare, un parassita ciliato che potrebbe essere comparso nel Mediterraneo ma anche essere stato portato qui dai Caraibi, è riuscito a "fare il salto" e ad arrivare anche nel Mar Rosso: nel golfo di Aqaba in particolare questo riccio è stato spazzato via nel giro di poche settimane, e ora nell'area non ne esiste più alcun esemplare.

Episodi simili, anche se per ora meno gravi, sono stati segnalati anche in Giordania, Turchia, Egitto e Grecia, mentre in Israele non è ancora arrivato, e le autorità locali sono state messe in allerta ne invitate a proteggere le barriere coralline. Il patogeno, comunque, ha una diffusione rapidissima: il rischio è che possa diffondersi incontrollato in tutto il Mar Rosso, mettendo a rischio l'intero ecosistema.

2 giugno 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us