Animali

Il megalodonte, il più grande squalo mai esistito, non era poi così "mega"

L'immagine che abbiamo dell'aspetto fisico del megalodonte potrebbe non essere corretta: forse era più magro e slanciato di quanto credessimo. Ci sono tre indizi...

Otodus megalodon, o più semplicemente megalodonte, è lo squalo più grande mai esistito, ma il fatto che si sia estinto 3.6 milioni di anni fa significa che non abbiamo mai potuto ammirarlo in tutta la sua gloria: tutto quello che abbiamo sono i suoi resti fossili (quasi sempre incompleti), e il confronto con il suo "erede", lo squalo bianco Carcharodon carcharias, sul quale si sono basate tutte le ricostruzioni del megalodonte create finora. Ricostruzioni che, dice uno studio pubblicato su Palaeontologia Electronica, potrebbero in realtà essere inesatte: ci sono tre indizi, scoperti negli ultimi anni, che fanno pensare che in realtà questo squalo preistorico non assomigliasse al bianco, ma fosse più magro e slanciato.

Il megalodonte era lento? Lo studio non è una vera e propria smentita di quanto teorizzato finora sull'animale: qui per esempio vi avevamo mostrato un'infografica che ricostruiva il suo aspetto basandosi sui dati a disposizione fino a quel momento, e molti dei dettagli contenuti nelle immagini sono validi ancora oggi. Ci sono però, come detto, tre diversi elementi che hanno fatto pensare al team della University of California, Riverside che le differenze tra megalodonte e squalo bianco possano essere più marcate di quanto credessimo.

Innanzitutto: abbiamo di recente scoperto che il megalodonte aveva il sangue caldo, come lo squalo bianco appunto. Il secondo indizio, però, arriva da un altro selace, lo squalo elefante, che nuota lentamente e si nutre di plancton ma ha anch'esso il sangue caldo, che si pensava fosse caratteristico solo degli squali più veloci e scattanti. Il terzo e ultimo dettaglio cruciale è arrivato da un'analisi delle squame del megalodonte, e del loro grado di consunzione, che dimostra come questo animale nuotasse lentamente.

Ci vuole un colpo di fortuna. Ci sono poi anche problemi di misure. La ricostruzione più completa della colonna vertebrale di un megalodonte è stata misurata a 11.1 metri (testa e coda escluse), ma quello stesso esemplare era stato in precedenza misurato a 9 metri, e immaginato con una forma corporea simile a quella dello squalo bianco: (relativamente) corta e soprattutto tozza. Il fatto che l'animale fosse lungo 11 metri invece di 9, unito alle considerazioni precedenti, ha portato alla teoria esposta nello studio, che lo squalo più grande del mondo avesse un corpo lungo e affusolato, diverso da quello del suo famoso parente. Si tratta comunque solo di ipotesi, mette in guardia lo studio: l'unico modo per confermarle (o smentirle) sarebbe quello di trovare uno scheletro completo di megalodonte, un'impresa complicata perché stiamo parlando di un pesce cartilagineo, e la cartilagine, a differenza delle ossa, si conserva male nel record fossile.

24 gennaio 2024 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us