Animali

Formiche paramedico sui campi di battaglia

Nelle incursioni contro le tèrmiti, le formiche Matabele hanno anche un servizio di pronto soccorso, capace persino di decidere chi non vale la pena di salvare.

Quando una battaglia è conclusa, le formiche Matabele (Megaponera analis), tipiche di alcuni stati africani, contano i feriti: questi insetti sociali lunghi un paio di centimetri si nutrono soprattutto di tèrmiti (sono termitofaghe), che scovano sottoterra, nella savana, e attaccano in battaglioni di centinaia di esemplari. Un terzo degli individui coinvolti nei raid, prima o poi, perde un arto: a quel punto scatta una macchina di pronto soccorso molto efficiente e con poche corrispondenze nel resto del mondo animale.

Disinfettate. Era noto che le formiche ancora sane raccolgono quelle ferite e le portano nella colonia, ma ora si è scoperto anche che puliscono e leccano le loro lesioni, forse somministrando una sostanza antibiotica che previene le infezioni. Gli ecologi dell'Università di Wurzburg (Germania) che hanno studiato questi insetti in nidi artificiali nel Parco nazionale di Comoé, in Costa d'Avorio, hanno scoperto che il trattamento di "pulizia" dura fino a 4 minuti e che il 90% delle formiche ferite che vi si sottopone supera le 24 ore successive. Quelle che non lo ricevono muoiono nell'80% dei casi.

Triage sul campo. Per capire chi valga la pena salvare queste formiche si affidano ai feromoni emessi dalle compagne in difficoltà, ma anche a un semplice codice visivo: quando possono, le compagne ferite si rimettono sulle proprie zampe, in posizione di riposo. Da quella posizione possono rilasciare feromoni ed essere sollevate. Quelle troppo deboli per "rialzarsi", probabilmente non si salverebbero comunque e vengono lasciate dove sono. Nel video del Guardian, qui sotto, potete vederle in azione:

15 febbraio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us