Mamma leopardo delle nevi e i suoi cuccioli

Due rarissimi video del felino più schivo e mimetico dell'Asia centrale: il "fantasma delle montagne" filmato per la prima volta nella sua tana.

Tra tutte le madri del mondo animale, questa è forse una delle più protettive. Il video che state per vedere è un documento raro, perché raro e sfuggente è il suo protagonista. I leopardi delle nevi (Uncia uncia), oggi ridotti a una popolazione di 4 mila-6 mila esemplari, vivono nelle zone remote delle montagne di Bhutan, Cina, India, Mongolia e Nepal, escono solo all'alba e al tramonto e sono maestri di mimetismo.

Quella bestia di mio figlio: scene di vita familiare nel mondo animale

Filmarli nel loro habitat naturale è un'impresa pressoché impossibile, ma lo scorso anno un team di ricercatori del Snow Leopard Trust e in particolare del programma Panthera ha ottenuto il primo video di una madre e dei suoi cuccioli all'interno di una tana nei monti Tost, nel deserto dei Gobi, in Mongolia.

Le più belle foto di cuccioli animali (guarda)

I filmati sono stati riproposti ieri in occasione della festa della mamma. I movimenti delle femmine sono stati tracciati per 4 anni con localizzatori GPS. Quando la restrizione del loro areale indicava che due esemplari erano pronte per il parto, i ricercatori hanno individuato le loro tane e piazzato telecamere al loro ingresso. Il primo video mostra una mamma leopardo mentre fissa la videocamera proteggendo con le zampe i propri cuccioli.

La leonessa che mangia la telecamera e quella che annusa il fotografo (video)

Il secondo filmato, qui sotto, riprende invece un paio di cuccioli lasciati soli mentre la madre è intenta a cacciare. I ricercatori ne hanno approfittato per pesare i piccoli, misurarli, tracciarli con un minuscolo microchip e prendere campioni di pelo da analizzare. Questi dati si riveleranno importantissimi per conoscere meglio questo animale, chiamato "fantasma delle montagne" dalle popolazioni della Mongolia, e potenziare i programmi di conservazione della specie.


13 Maggio 2013 | Elisabetta Intini