Animali

L'uccello polare che riconosce i volti umani

Lo stercorario antartico identifica rapidamente come ostile il viso dei ricercatori che si avvicinano al suo nido. Un'abilità sviluppata forse grazie al numero ridotto di umani nel suo territorio.

Si parla tanto della memoria degli elefanti, ma anche lo stercorario antartico (Stercorarius antarcticus) non scherza. Questo grosso uccello (52-64 cm) noto per rubare il cibo ai pinguini, riconosce i volti degli uomini che ha incontrato in passato, e attacca quelli di cui ha un brutto ricordo: lo sostiene una ricerca sudcoreana pubblicata sulla rivista Animal Cognition.

un lungo isolamento. Questi pennuti che vivono sull'isola di King George, al largo della Penisola Antartica, sono entrati per la prima volta in contatto con l'uomo 60 anni fa, quando le esplorazioni scientifiche del loro territorio si fecero più frequenti. Uno degli ultimi gruppi di umani con cui hanno avuto a che fare è un team di ricercatori del Korea Polar Research Institute.

Ho già visto quella faccia... Gli ornitologi si trovavano sull'isola per monitorare lo sviluppo dei pulcini di stercorario, ma visti i ripetuti attacchi a chi si avvicinava più spesso alle uova, si sono chiesti se gli uccelli sapessero riconoscere i singoli scienziati. Così hanno mandato ai nidi coppie di ricercatori vestiti in modo identico, di cui un frequentatore abituale dei pennuti e un individuo "neutrale". Dopo appena 3-4 volte, gli uccelli hanno iniziato ad attaccare sistematicamente l'uomo che avevano già visto, ignorando l'altro.

astuti per sopravvivere. Dato l'abbigliamento identico e la difficoltà di avvertire gli odori nel ventoso e freddo habitat antartico, il riconoscimento deve basarsi sulle caratteristiche del volto: una spiccata capacità cognitiva osservata in precedenza anche nei corvi. Poiché gli stercorari non vedono molti uomini, la loro abilità nel riconoscerne i tratti - e con essi, il pericolo - potrebbe essersi evoluta in modo particolarmente spiccato.

29 marzo 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us