Animali

L'orso polare e il cane, la scienza di un video virale

No, l'orso bianco nel filmato che gira online non sta accarezzando l'husky, ma giocando con una potenziale preda, in una situazione innaturale e pericolosa creata (e male interpretata) dall'uomo.

In molti negli ultimi giorni si sono imbattuti in un video che sembra creato apposta per entrare in clima natalizio: per 35 secondi, un orso polare pare accarezzare teneramente un husky nel contesto freddo e inospitale della cittadina di Churchill, nella provincia canadese di Manitoba. Il filmato è stato salutato come esempio di amicizia tra animali, e l'orso come "gigante gentile".

Come tuttavia spesso accade, la realtà è un po' meno melensa della comune interpretazione. L'orso non sta accarezzando un amico a quattro zampe: sta giocando con una potenziale preda, in una situazione del tutto innaturale, pericolosa per entrambi gli animali coinvolti.

Clicca per attivare la GIF. © David de Meulles

l'altro lato della medaglia. Il proprietario del cane, Brian Ladoon, gestisce un allevamento di husky nella città. Quando il video è divenuto virale, Ladoon ha descritto l'interazione tra l'orso e il quadrupede come il "volere della Natura".

Ma all'indomani della diffusione del filmato, le autorità del Manitoba Sustainable Development hanno fatto sapere che la scorsa settimana, tre orsi sono stati rimossi a forza dalla proprietà di Ladoon: uno di loro aveva infatti ucciso un cane, e altri due, una mamma e un cucciolo, sono stati allontanati perché erano stati nutriti ripetutamente dall'uomo, e il loro comportamento iniziava a destare segni di preoccupazione.

Dipendenti. «Quello è stato l'unico giorno che non abbiamo dato da mangiare agli orsi, l'unica notte che non abbiamo messo fuori nulla» ha confessato Ladoon. Nutrire predatori selvatici e in pericolo come gli orsi è severamente proibito dalla legge. Questo comportamento abitua gli animali ad avvicinarsi all'uomo in cerca di cibo, e mette seriamente in pericolo la loro vita e quella delle popolazioni che abitano a contatto con essi.

In trappola. Ladoon racconta di aver nutrito gli orsi per proteggere i cani del suo allevamento dall'attacco dei predatori: ma secondo Ian Stirling, professore dell'Università di Alberta, gli Inuit sostengono da tempo che se si vuole che un cane faccia da guardia e si sappia difendere, non lo si può tenere incatenato, perché in questo modo lo si rende vulnerabile e incline alla sottomissione (oltre a impedirgli di scappare).

Ladoon, consapevole dell'interesse dei turisti per gli orsi, ha usato a lungo i suoi cani come "esca", per attirare gli animali e instaurare tra prede e predatori un innaturale rapporto ad uso e consumo degli spettatori.

Distorsione. L'intera vicenda è stata poi letta, come spesso accade, con il filtro dell'antropomorfizzazione: la proiezione dei sentimenti umani sugli animali. Questa lettura è fuorviante perché impone ai predatori un carico di aspettative e un codice morale che questi animali, per natura, non possono seguire.

è la rete, bellezza. È la tendenza dominante da quando i video di animali selvatici hanno perso il valore documentario per assumere quello di intrattenimento social: la natura selvaggia viene prelevata dal suo contesto per divertire, essere condivisa e tirarci su di morale. Ma i predatori non possono diventare l'estensione del nostro desiderio di "like".

21 novembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La (brutta) storia della follia raccontata attraverso i re e gli imperatori ritenuti pazzi, i rimedi adottati nei secoli per “curarla” e l'infinita serie di pregiudizi e superstizioni che hanno reso la vita dei malati un inferno peggiore del loro male. E ancora: quando le donne si sfidavano a duello; la feroce Guerra delle due Rose, nell'Inghilterra del '400.

ABBONATI A 29,90€

Senza l'acqua non ci sarebbe la Terra, l'uomo è l'animale che ne beve di più, gli oceani regolano la nostra sopravvivenza: un ricco dossier con le più recenti risposte della scienza. E ancora: come agisce un mental coach; chi sono gli acchiappa fulmini; come lavorano i cacciatori dell'antimateria; il fiuto dei cani al servizio dell'uomo.

ABBONATI A 29,90€
Follow us