Animali

Lo scorpione di mare gigante

Ricercatori di Yale trovano un fossile vecchio 460 milioni di anni e ipotizzano che l'animale - uno scorpione di mare - fosse lungo 170 centimetri.

Analizzando un sito archeologico nello Iowa (Usa), il gruppo di ricerca guidato da James Lamsdell, dell'università di Yale, ha identificato il fossile di uno scorpione di mare vissuto 460 milioni di anni fa, lungo circa un metro e settanta centimetri.

Gli euripteridi. Diversamente da quanto suggerisce il nome, gli scorpioni di mare (Eurypterida) vivevano soprattutto in acque dolci, cibandosi di pesci primitivi. Gli studiosi ipotizzano che le dimensioni medie di questo animale si aggirassero intorno ai 20 centimetri, anche se non dovevano mancare esemplari più grandi.

Come una nave greca. Quella rivenuta da James Lamsdell è dunque una specie particolarmente grande, identificata a partire da 150 frammenti fossili e alla quale è stato dato il nome di Pentecopterus decorahensis (la pentecontera era un'imbarcazione spinta da vele o da remi e per molti anni ha rappresentato la spina dorsale della marina militare dell'antica Grecia).

Fossile di scoprione di mare
Una zampa del Pentecopterus decorahensis (la linea rappresenta 1 centimetro di lunghezza) © James Lamsdell/ Yale University

Le deduzioni. I ricercatori ritengono di essersi imbattuti nei resti di esoscheletri lasciati a terra dopo la muta. E in base all'osservazione dei fossili, avanzano alcune ipotesi sul comportamento dell'animale: per esempio, delle otto zampe rinvenute, le tre paia vicino alla coda sono più corte di quelle vicino alla testa. Probabilmente, afferma Lamsdell, il Pentecopterus decorahensis camminava solo su sei zampe.

Lo studio conferma inoltre l'assenza del pungiglione, caratteristica comune a tutti gli euripteridi a dispetto del loro nome comune (scorpioni di mare). L'osservazione della coda lascia intendere che potesse servire per nuotare e per bilanciare il proprio peso.

Fossile di scoprione di mare
Le setole del Pentecopterus decorahensis (la linea rappresenta 1 centimetro di lunghezza) © James Lamsdell/ Yale University

L'importanza della scoperta. I fossili hanno un grado di conservazione eccezionale e consentono persino di osservare delle setole, sulle zampe, simili ai "peli" dei granchi odierni. Inoltre, i fossili hanno consentito a Lamsdell di redigere la descrizione del più antico euripteride mai rinvenuto, spostando di 9 milioni di anni indietro nel tempo la conoscenza diretta di questo gruppo animale.

3 settembre 2015 Aldo Fresia
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us