Animali

Lo scorpione di mare gigante

Ricercatori di Yale trovano un fossile vecchio 460 milioni di anni e ipotizzano che l'animale - uno scorpione di mare - fosse lungo 170 centimetri.

Analizzando un sito archeologico nello Iowa (Usa), il gruppo di ricerca guidato da James Lamsdell, dell'università di Yale, ha identificato il fossile di uno scorpione di mare vissuto 460 milioni di anni fa, lungo circa un metro e settanta centimetri.

Gli euripteridi. Diversamente da quanto suggerisce il nome, gli scorpioni di mare (Eurypterida) vivevano soprattutto in acque dolci, cibandosi di pesci primitivi. Gli studiosi ipotizzano che le dimensioni medie di questo animale si aggirassero intorno ai 20 centimetri, anche se non dovevano mancare esemplari più grandi.

Come una nave greca. Quella rivenuta da James Lamsdell è dunque una specie particolarmente grande, identificata a partire da 150 frammenti fossili e alla quale è stato dato il nome di Pentecopterus decorahensis (la pentecontera era un'imbarcazione spinta da vele o da remi e per molti anni ha rappresentato la spina dorsale della marina militare dell'antica Grecia).

Fossile di scoprione di mare
Una zampa del Pentecopterus decorahensis (la linea rappresenta 1 centimetro di lunghezza) © James Lamsdell/ Yale University

Le deduzioni. I ricercatori ritengono di essersi imbattuti nei resti di esoscheletri lasciati a terra dopo la muta. E in base all'osservazione dei fossili, avanzano alcune ipotesi sul comportamento dell'animale: per esempio, delle otto zampe rinvenute, le tre paia vicino alla coda sono più corte di quelle vicino alla testa. Probabilmente, afferma Lamsdell, il Pentecopterus decorahensis camminava solo su sei zampe.

Lo studio conferma inoltre l'assenza del pungiglione, caratteristica comune a tutti gli euripteridi a dispetto del loro nome comune (scorpioni di mare). L'osservazione della coda lascia intendere che potesse servire per nuotare e per bilanciare il proprio peso.

Fossile di scoprione di mare
Le setole del Pentecopterus decorahensis (la linea rappresenta 1 centimetro di lunghezza) © James Lamsdell/ Yale University

L'importanza della scoperta. I fossili hanno un grado di conservazione eccezionale e consentono persino di osservare delle setole, sulle zampe, simili ai "peli" dei granchi odierni. Inoltre, i fossili hanno consentito a Lamsdell di redigere la descrizione del più antico euripteride mai rinvenuto, spostando di 9 milioni di anni indietro nel tempo la conoscenza diretta di questo gruppo animale.

3 settembre 2015 Aldo Fresia
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us