Animali

Lo scimpanzé che pensa solo a sé

La cattività rende insensibili e trasforma gli animali in esseri totalmente egoisti.

Lo scimpanzé che pensa solo a sé
La cattività rende insensibili e trasforma gli animali in esseri totalmente egoisti.

Un piccolo scimpanzé (Pan troglodytes). Se cresce in cattività è più propenso all'egoismo e all'aggressività.
Un piccolo scimpanzé (Pan troglodytes). Se cresce in cattività è più propenso all'egoismo e all'aggressività.

Si sa, starsene da soli, chiusi in casa, non fa bene a nessuno. È scientificamente dimostrato, almeno per gli scimpanzé. Lo ha provato un gruppo di ricercatori dell'Università della California studiando il comportamento sociale (anzi, asociale) di alcuni primati nati e cresciuti in cattività. Non è tanto l'aggressività il tratto caratteristico di un animale costretto dietro le gabbie da quando è piccolo. È piuttosto una sorta di incapacità a provare empatia nei confronti dei propri simili la caratteristica ricorrente in quei soggetti cresciuti in condizioni innaturali.
Egoisti sotto chiave. La cattività rende insensibili e trasforma gli animali in esseri totalmente egoisti. Nel corso dello studio comportamentale i ricercatori guidati da Joan Silk hanno notato come gli scimpanzé nati in gabbia non aiutino praticamente mai i loro simili, perfino quando un gesto di solidarietà non costerebbe nulla. In pratica il gruppo di ricerca ha predisposto una serie di test per i quali era previsto un premio sotto forma di cibo. Gli scimpanzé però avevano la possibilità di scegliere: la ricompensa poteva andare solo a loro o, in alternativa, a loro e ad un altro membro del gruppo. Se in casi normali gli animali tendono a scegliere la seconda possibilità, gli scimpanzé cresciuti in gabbia optano - almeno una volta su due - per la prima.
Altruismo per imitazione. Secondo gli scienziati, gli animali - e anche l'uomo - sono altruisti perché questo comportamento aumenta la probabilità di essere aiutati quando si trovano in difficoltà. Gli animali in cattività, non avendo mai sperimentato alcuna forma di vita sociale, agirebbero invece secondo istinti puramente biologici, immediati e dunque egoistici.
Certe condizioni “innaturali” imposte dalla cultura, dunque, sarebbero in grado di impoverire il senso del vivere sociale. Un discorso che può essere esteso anche agli uomini.

(Notizia aggiornata al 28 ottobre 2005)

28 ottobre 2005
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us