Animali

Le spugne non se ne stanno ferme: strisciano sui fondali marini?

Alcuni video mostrano le scie lasciate in fondo al mare dalla "pancia" delle spugne. Come se questi animali strisciassero e si muovessero autonomamente.

Il nostro cervello, già così poco abituato a considerare le spugne come organismi animali, potrebbe subire uno shock a causa di una scoperta appena pubblicata su Current Biology: non solo le spugne naturali che galleggiano nelle nostre vasche da bagno sono state, un tempo, vive; ma, probabilmente, si muovevano anche in autonomia. Finora si pensava che la mobilità delle spugne si limitasse allo stadio larvale, e che una volta trovato un posticino sul fondale, queste creature vi si accomodassero per la vita.

Le impronte dei viaggi. Tuttavia, esaminando i video catturati nel 2016 dalla rompighiaccio Polarstern sui fondali dell'Oceano Artico, i ricercatori del Max Planck Institute of Marine Microbiology e dell'Alfred Wegener Helmholtz Centre for Polar and Marine Research hanno notato per la prima volta abbondanti scie lasciate sul pavimento oceanico dalle spicole, le rigide e microscopiche unità di base dell'impalcatura che sorregge le spugne. Come graffi sul fondale, queste tracce si connettevano direttamente al sottopancia delle spugne che sono state osservate in grandi quantità tra i 1.000 e i 580 metri di profondità, sui picchi sommersi e perennemente ghiacciati della Langseth Ridge, una catena montuosa sottomarina.

Le spugne con le loro spicole e le scie lasciate sul fondale. © AWI OFOBS team, PS101; Morganti et al./Current Biology

Poiché molte spugne sono state trovate in cima a questi picchi è escluso che a muoverle sia stata la gravità, senza contare che la zona è piuttosto al riparo dalle correnti. L'ipotesi più probabile e che gli organismi si siano mossi da soli, puntando le spicole sul fondale e facendo leva su di esse per spostare i corpi davanti (con il rischio, talvolta, di lasciare frammenti di scheletro di sé lungo il cammino). Questi movimenti erano stati osservati in laboratorio, ma mai prima d'ora in natura.

Perché tanto vagabondare? Il sospetto è che spostarsi sia un modo per andare a caccia di cibo nelle inospitali acque polari, oppure uno stratagemma per disperdere le larve su più grandi distanze, usando le scie come superfici-guida in cui farle depositare.

16 maggio 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us