Animali

Le seppie con occhiali 3D vedono meglio di noi

Uno studio sulla visione stereoscopica in seppie con occhiali 3D dimostra che la loro capacità di percepire la profondità è migliore della nostra.

Avete mai visto seppie con occhiali 3D piazzati sul naso? Ovviamente no. Eppure ce sono... Alcuni esemplari, per dire, si trovano nei laboratori di biologia marina dell'Università del Minnesota e sono le protagoniste di un esperimento condotto da un team di ricercatori per cercare di capire come funziona la capacità di questi invertebrati di percepire la profondità. Il risultato lo potete vedere nel video qui sotto.

Dopo un primo esperimento con le mantidi è toccato alle seppie indossare gli occhialetti 3D e godersi l'esperienza immersiva di un film dove i protagonisti erano gamberetti, cibo succulento per le seppie. Gli scienziati hanno così potuto osservare la seppia di turno orientare il proprio corpo nello spazio in funzione del comportamento del "gamberetto 3D", e attaccare (inutilmente, dato che il gamberetto in realtà non c'era!) per catturarlo.

Cosa c'è di speciale? Le seppie hanno, come noi esseri umani, la visione stereoscopica: sono cioè in grado di elaborare i segnali visivi che arrivano in due punti diversi (gli occhi) in un'immagine unica. Rispetto a noi, però, hanno due occhi che si muovono in maniera indipendente: il fatto che riescano comunque a elaborare gli stimoli visivi e a comportarsi di conseguenza indica un'avanzata capacità di percepire la profondità – sott'acqua, oltretutto, dove noi facciamo fatica a tenere gli occhi aperti.

Secondo il team di ricerca, tra l'altro, la loro visione stereoscopica "si basa su un algoritmo cerebrale diverso dal nostro, e del quale non conosciamo le basi neurologiche": questo dimostrerebbe che la visione stereoscopica non si è evoluta una volta sola nella storia della vita, ma diverse volte, e basandosi su metodi sempre diversi.

27 gennaio 2020 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us