Animali

Le seppie con occhiali 3D vedono meglio di noi

Uno studio sulla visione stereoscopica in seppie con occhiali 3D dimostra che la loro capacità di percepire la profondità è migliore della nostra.

Avete mai visto seppie con occhiali 3D piazzati sul naso? Ovviamente no. Eppure ce sono... Alcuni esemplari, per dire, si trovano nei laboratori di biologia marina dell'Università del Minnesota e sono le protagoniste di un esperimento condotto da un team di ricercatori per cercare di capire come funziona la capacità di questi invertebrati di percepire la profondità. Il risultato lo potete vedere nel video qui sotto.

Dopo un primo esperimento con le mantidi è toccato alle seppie indossare gli occhialetti 3D e godersi l'esperienza immersiva di un film dove i protagonisti erano gamberetti, cibo succulento per le seppie. Gli scienziati hanno così potuto osservare la seppia di turno orientare il proprio corpo nello spazio in funzione del comportamento del "gamberetto 3D", e attaccare (inutilmente, dato che il gamberetto in realtà non c'era!) per catturarlo.

Cosa c'è di speciale? Le seppie hanno, come noi esseri umani, la visione stereoscopica: sono cioè in grado di elaborare i segnali visivi che arrivano in due punti diversi (gli occhi) in un'immagine unica. Rispetto a noi, però, hanno due occhi che si muovono in maniera indipendente: il fatto che riescano comunque a elaborare gli stimoli visivi e a comportarsi di conseguenza indica un'avanzata capacità di percepire la profondità – sott'acqua, oltretutto, dove noi facciamo fatica a tenere gli occhi aperti.

Secondo il team di ricerca, tra l'altro, la loro visione stereoscopica "si basa su un algoritmo cerebrale diverso dal nostro, e del quale non conosciamo le basi neurologiche": questo dimostrerebbe che la visione stereoscopica non si è evoluta una volta sola nella storia della vita, ma diverse volte, e basandosi su metodi sempre diversi.

27 gennaio 2020 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us