Animali

Le più antiche impronte di uccelli hanno 120 milioni di anni

In Australia sono state ritrovate impronte fossili di uccelli che risalgono al primo Cretaceo, quando il continente faceva ancora parte della Gondwana.

Tra tutti i vertebrati, gli uccelli sono forse i più difficili da trovare nel record fossile: sono spesso piccoli e hanno ossa cave e molto sottili, e quindi fragili; non è facile che i loro corpi si conservino dopo la morte. Prendete per esempio la Wonthaggi Formation, nell'Australia meridionale: è ricca di fossili che risalgono al Cretaceo e che comprendono dinosauri, anfibi e mammiferi. E in tutta questa abbondanza, è stato ritrovato un singolo osso di volatile, scavato nel 2014. Ora, però, proprio da quella formazione arrivano nuove testimonianze fossili di uccelli: si tratta di impronte di circa 120 milioni di anni fa, le più antiche tracce di volatili mai ritrovate non sono in Australia, ma in tutta la Gondwana. Lo studio su queste tracce è stato pubblicato su PLOS One.

Migrazioni preistoriche. La Gondwana, ovviamente, oggi non esiste più: è stato un supercontinente formatosi 800 milioni di anni fa e che ha cominciato a frammentarsi durante il Triassico, intorno ai 200 milioni di anni fa, dando inizio a un processo completato circa 22 milioni di anni fa. Oggi i "pezzi" della Gondwana rappresentano i due terzi delle terre emerse del pianeta: Australia, Sud America, Africa, Antartide, penisola araba, India… Al tempo in cui vivevano gli uccelli che hanno lasciato le impronte fossili, l'Australia era ancora attaccata all'Antartide. Secondo gli autori dello studio, il numero e la posizione delle tracce suggeriscono che gli animali a cui appartengono (che sono una o più specie non ancora identificate) si spostassero in gruppi, e migrassero a seconda delle stagioni: le impronte sono state lasciate nel fango, con ogni probabilità quello che ricopriva il terreno durante la primavera, con lo scioglimento dei ghiacci invernali.

Una mano esterna. Il primo autore dello studio, Anthony Martin della Emory University, ha spiegato che la scoperta non sarebbe stata possibile senza l'aiuto della seconda firmataria del lavoro, Melissa Lowery, che è una cacciatrice di fossili dilettante che aiuta le istituzioni locali su base volontaria, e che è "incredibilmente brava", stando a Martin, a individuare tracce fossili che spesso sfuggono anche ai professionisti. E che sono anche effimere: le prime impronte di uccelli descritte nello studio sono state ritrovate nel 2020, e il team ha immediatamente creato dei calchi in poliestere per preservarle; e meno male, perché alcune di queste impronte sono già sparite, consumate dal tempo, dagli elementi e dalla vita marina.

30 novembre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us