Animali

Le più antiche impronte di uccelli hanno 120 milioni di anni

In Australia sono state ritrovate impronte fossili di uccelli che risalgono al primo Cretaceo, quando il continente faceva ancora parte della Gondwana.

Tra tutti i vertebrati, gli uccelli sono forse i più difficili da trovare nel record fossile: sono spesso piccoli e hanno ossa cave e molto sottili, e quindi fragili; non è facile che i loro corpi si conservino dopo la morte. Prendete per esempio la Wonthaggi Formation, nell'Australia meridionale: è ricca di fossili che risalgono al Cretaceo e che comprendono dinosauri, anfibi e mammiferi. E in tutta questa abbondanza, è stato ritrovato un singolo osso di volatile, scavato nel 2014. Ora, però, proprio da quella formazione arrivano nuove testimonianze fossili di uccelli: si tratta di impronte di circa 120 milioni di anni fa, le più antiche tracce di volatili mai ritrovate non sono in Australia, ma in tutta la Gondwana. Lo studio su queste tracce è stato pubblicato su PLOS One.

Migrazioni preistoriche. La Gondwana, ovviamente, oggi non esiste più: è stato un supercontinente formatosi 800 milioni di anni fa e che ha cominciato a frammentarsi durante il Triassico, intorno ai 200 milioni di anni fa, dando inizio a un processo completato circa 22 milioni di anni fa. Oggi i "pezzi" della Gondwana rappresentano i due terzi delle terre emerse del pianeta: Australia, Sud America, Africa, Antartide, penisola araba, India… Al tempo in cui vivevano gli uccelli che hanno lasciato le impronte fossili, l'Australia era ancora attaccata all'Antartide. Secondo gli autori dello studio, il numero e la posizione delle tracce suggeriscono che gli animali a cui appartengono (che sono una o più specie non ancora identificate) si spostassero in gruppi, e migrassero a seconda delle stagioni: le impronte sono state lasciate nel fango, con ogni probabilità quello che ricopriva il terreno durante la primavera, con lo scioglimento dei ghiacci invernali.

Una mano esterna. Il primo autore dello studio, Anthony Martin della Emory University, ha spiegato che la scoperta non sarebbe stata possibile senza l'aiuto della seconda firmataria del lavoro, Melissa Lowery, che è una cacciatrice di fossili dilettante che aiuta le istituzioni locali su base volontaria, e che è "incredibilmente brava", stando a Martin, a individuare tracce fossili che spesso sfuggono anche ai professionisti. E che sono anche effimere: le prime impronte di uccelli descritte nello studio sono state ritrovate nel 2020, e il team ha immediatamente creato dei calchi in poliestere per preservarle; e meno male, perché alcune di queste impronte sono già sparite, consumate dal tempo, dagli elementi e dalla vita marina.

30 novembre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us