Animali

Le orme fossili di giganteschi rettili preistorici scoperte sulle Alpi

Sulle montagne del Cuneese sono state rinvenute orme fossili di rettili giganteschi, simili a coccodrilli, vissuti circa 250 milioni di anni fa.

Quando pensiamo ai fossili più famosi del mondo ci vengono sempre in mente quelli che provengono da luoghi lontani: Cina, America, Russia... e tendiamo a dimenticarci che anche l'Italia ha un notevole patrimonio di resti che raccontano centinaia di milioni di anni di storia della Terra; un tesoro che non conosciamo ancora appieno, come testimoniano le continue scoperte di questi ultimi anni.

Sulle nostre Alpi. L'ultima in ordine di tempo arriva da uno studio congiunto delle università di Torino, Roma Sapienza, Genova e Zurigo insieme al MUSE di Trento, pubblicato su PeerJ e che racconta di un nuovo ritrovamento effettuato sulle Alpi piemontesi: le orme fossili di grandi rettili simili a coccodrilli, vissuti sulle nostre montagne (che all'epoca montagne non erano ancora) circa 250 milioni di anni fa.

La scoperta è avvenuta nell'Alta Val Maira, a 2.200 metri di altitudine, sull'altopiano della Gardetta: qui, nel 2008 e nel poi 2009, il geologo Enrico Collo scoprì in alcune rocce una serie di impronte lasciate da quelli che lui stesso descrisse come rettili. Oggi queste impronte sono state studiate e identificate, e attribuite a Chirotherium, un cosiddetto icnogenere di rettili. Il termine si riferisce non alla tassonomia classica, ma a quella delle impronte: anche le tracce di zampe lasciate nella roccia possono essere identificate e classificate, e quelle scoperte in Alta Val Maira appartengono appunto al genere Chirotherium, più precisamente a una nuova icnospecie, Isochirotherium gardettensis.

Solo impronte, ma... Avendo a disposizione solo le impronte è impossibile stabilire a quale specie biologica appartenessero, ma uno studio anatomico condotto a partire dai pochi elementi a disposizione (principalmente forma e dimensione delle impronte) ha permesso di determinare che l'animale era un rettile lungo almeno quattro metri.

La scoperta di queste orme è importante anche per la nostra comprensione di com'era l'Italia milioni di anni fa. Il motivo per cui le tracce di Isochirotherium si sono conservate così bene è che al tempo la Gardetta non era un altopiano a oltre 2.000 metri di altitudine ma un litorale, situato nei pressi del delta di un fiume e a contatto con il mare; i fondali fangosi favorirono la formazione di impronte, che poi si solidificarono e vennero sollevate insieme al resto delle Alpi.

Altro che inospitale! Un tempo si riteneva che questa zona, nonostante la vicinanza al mare, fosse inospitale e inadatta alla vita, ma le impronte di Isochirotherium, che testimoniano la presenza di grandi rettili, indicano al contrario che quello che oggi è l'altopiano del Gardetta era, 250 milioni di anni fa, una zona ricca di forme di vita.

26 gennaio 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us