Animali

Le libellule si fingono morte per evitare le avances

Pur di risparmiarsi le attenzioni di partner indesiderati, le femmine ricorrono a una soluzione estrema: si lasciano cadere al suolo e simulano la propria dipartita, finché il pretendente non rinuncia.

Per scrollartelo di dosso, fingiti morta. Le femmine di una diffusa specie di libellula, il dragone alpino (Aeshna juncea) hanno sviluppato una tattica estrema per allontanare i partner indesiderati: simulano una caduta letale, e giacciono immobili finché il pretendente non si allontana.

Tu non hai visto niente. Rassim Khelifa, biologo dell'università di Zurigo, ha osservato il curioso comportamento mentre studiava le larve di dragone sulle Alpi Svizzere. All'improvviso ha visto una femmina tuffarsi platealmente al suolo e rimanere distesa sul dorso, apparentemente senza vita, salvo poi tornare a volare appena rimasta sola. La tattica della "finta morta" è stata documentata su 27 delle 31 femmine femmine di libellula studiate, e in 21 casi ha funzionato.

Meglio sole. Quando depongono le uova, le femmine di questa specie sono vulnerabili perché, a differenza di altre libellule, non possono contare su un maschio che vigili sui nascituri. Un singolo rapporto basta a fertilizzare tutte le uova; un secondo, rischierebbe di danneggiarne il tratto riproduttivo. Di solito le future madri libellule rimangono nascoste nella vegetazione. Il finto tuffo "kamikaze", in parte pericoloso, sembra l'ultima risorsa, da adottare quando il numero di maschi nei paraggi è troppo alto per passare inosservate.

Fingersi morte per evitare i predatori è una strategia piuttosto diffusa tra le libellule. Le femmine di dragone potrebbero averla estesa anche alla sfera "di coppia", per evitare approcci molesti.

2 maggio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us