Animali

Le grandi scimmie potrebbero rimanere senza habitat entro trent’anni

La perdita dell'habitat sta lasciando le grandi scimmie senza una casa: abbiamo tempo fino al 2050 per invertire questa tendenza.

Pongo, Gorilla, Pan, Homo: le grandi scimmie sono tutte qui, distribuite tra quattro generi per un totale di appena otto specie. La nostra famiglia (anche in senso tassonomico: stiamo parlando degli Hominidae) è tutt'altro che allargata, e se continuassimo con la nostra opera di distruzione dell'ambiente al ritmo attuale rischieremmo di trovarci all'improvviso molto più soli: stando a uno studio pubblicato su Diversity and Distributions, tutte le grandi scimmie, a eccezione dell'uomo, perderanno circa l'85% del loro habitat nei prossimi trent'anni, e si troverebbero quindi a un passo dall'estinzione.

Potrebbe andare peggio. Tutto questo sempre che l'uomo riesca a rallentare o azzerare le proprie emissioni, smetta di deforestare e protegga gli ecosistemi dove vivono i nostri parenti: il dettaglio veramente spaventoso dello studio è che quell'85% è il miglior risultato possibile, e le cose potrebbero andare anche peggio.

Un altro dettaglio di cui tenere conto nel leggere lo studio è che tutte le previsioni sono fatte sulle grandi scimmie che vivono in Africa; che sono la maggior parte, ma non tutte (gli oranghi, per esempio, sono nativi di Indonesia e Malesia). Il team, guidato da Joana Carvalho della Liverpool John Moores University, ha costruito un modello predittivo basato sui dati che conosciamo relativi alla distribuzione delle grandi scimmie nel continente africano, e su una serie di fattori che influenzano direttamente la loro sopravvivenza e che cambieranno anche drasticamente nei prossimi anni a causa dell'attività umana: temperature, precipitazioni, deforestazione e consumo di suolo…

I possibili scenari. Da questa massa di dati, il team ha estratto una serie di scenari possibili, che vanno dal più ottimista (l'uomo che smette quasi immediatamente di inquinare, emettere CO2, tagliare alberi) al più pessimista (l'uomo continua imperterrito a fare quello che ha sempre fatto finora), scoprendo che anche nella migliore delle ipotesi le grandi scimmie sono condannate a un futuro parecchio grigio.

Uno dei maggiori problemi per le grandi scimmie africane è che solo una percentuale ridotta vive in aree protette: appena il 20% dei bonobo, per esempio, e meno del 10% dei gorilla di Cross River (una sottospecie di gorilla che vive in Nigeria). Quelli messi meglio sono i gorilla di montagna: "solo" il 64% occupa un habitat non protetto. E se un'area non è sottoposta a protezione ambientale vuol dire che può essere sfruttata per ragioni commerciali: stando allo studio, se la distruzione ambientale e il consumo di suolo continuassero ai ritmi attuali tutte le grandi scimmie africane perderebbero, entro il 2050, il 94% del loro habitat.

L'ipotesi migliore... Come dicevamo sopra, fa ancora più impressione lo scenario teoricamente virtuoso: l'ipotesi migliore per le grandi scimmie è una perdita dell'85% del territorio abitabile. Una flebile speranza arriva dalla considerazione che i cambiamenti climatici potrebbero anche creare nuovi habitat nei quali le grandi scimmie potrebbero trasferirsi (per esempio spostandosi ad altitudini maggiori, dove farà meno freddo di quanto faccia ora); ma non è detto che facciano in tempo, considerato quanto rapidamente stiamo distruggendo i loro habitat attuali.

21 giugno 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us