Speciale
Domande e Risposte
Animali

Le giraffe sono più colpite dai fulmini per la loro altezza?

Una domanda alla quale sembrerebbe facile rispondere. E invece...

La risposta parrebbe uno scontato "sì", le giraffe vengono colpite di più dai fiulmini per colpa del loro lungo collo. In realtà, però, ancora non lo sappiamo.

Quando Ciska Scheijen, un'ecologa che si occupa della conservazione degli animali della riserva sudafricana di Rockwood, ha cercato studi scientifici sull'argomento, non ne ha trovati. Le servivano per commentare, in un articolo pubblicato sull'African Journal of Ecology, il ritrovamento dei corpi di due giraffe dopo un violento temporale.

Una, di cinque anni, con una frattura sul cranio nei pressi dell'ossicodone destro (i "piccoli corni" che hanno le giraffe) e l'altra, di quattro anni, trovata nei pressi, senza danni apparenti. Era percepibile, però, un forte odore di ammoniaca che veniva da entrambe le carcasse, segno che erano state colpite da un fulmine.

Scariche elettriche. Scheijen ha quindi ipotizzato che una delle giraffe fosse stata colpita direttamente dal fulmine e l'altra dalla scarica elettrica che si diffonde sul terreno bagnato.

I pochissimi studi sul comportamento delle giraffe allo stato brado, però, le hanno permesso di fare solo ipotesi. Per esempio, se è in arrivo un temporale abbassano il collo? Oppure scelgono zone con alberi più alti e fitti, in modo da non spiccare su una vegetazione più bassa? Per i ricercatori, la caccia alla risposta è aperta.

Grandi amiche. Qualcosa di più sappiamo invece sulla loro etologia: le giraffe sono animali sociali, e le femmine in particolare vivono in gruppi numerosi e legati da relazioni intricate e strettissime. L'amicizia tra giraffe è decisiva per questi animali: quelle che passano più tempo in compagnia vivono più a lungo di quelle che conducono una vita solitaria.

23 aprile 2022 Margherita Fronte
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us