Animali

Le fughe strategiche delle formiche trappola

Le mandibole di questi insetti si tendono come molle per poi richiudersi di scatto. Liberando una forza elastica che scaglia le formiche lontano dai pericoli, come una catapulta.

Hanno uno dei morsi più rapidi del regno animale, ma le formiche trappola, insetti tropicali del genere Odontomachus, noti per le grosse mandibole che si chiudono a scatto sulla preda, usano le loro "armi" anche per scopi più pacifici.

Serrando di scatto questi apparati come fossero molle, le formiche riescono a saltare lontano dai predatori, mettendosi in salvo anche dalle situazioni più critiche. L'insolita strategia di fuga è stata studiata e filmata da Fredrick Larabee, entomologo dell'Università dell'Illinois.

Tenaglie a molla. Le mandibole di questi insetti si aprono fino a 180 gradi, tendendosi come elastici per poi richiudersi di scatto a una velocità di 60 metri al secondo (216 km/h). L'intero processo è 2300 volte più veloce di un battito di ciglia e genera una forza esplosiva capace di scagliare la formica - che nel frattempo si è preparata con la testa bassa e una zampa sospesa - lontano dal pericolo.

Di solito, la chiusura a scatto serve alle formiche per agguantare qualunque preda (piccoli artropodi) sfiori i peli sensoriali del loro apparato boccale. Già altre volte erano stati osservati i loro "voli", ma non era chiaro se fossero fughe intenzionali o se si trattasse di una conseguenza dei loro attacchi predatori.

Simulazione di caccia. Larabee e colleghi hanno posizionato un formicaleone (fam. Myrmeleontidae), un piccolo insetto dell'ordine dei Neurotteri predatore naturale degli Odontomachus, in un recipiente pieno di sabbia.

Il formicaleone tende a scavare un buco nella sabbia e ad aspettare che la preda gli scivoli addosso. Per sfuggire al carnefice, le formiche trappola hanno provato ad arrampicarsi sui versanti della buca; ma quando la strategia non funzionava hanno messo in atto il loro speciale salto. Salvandosi dalle grinfie del formicaleone nel 15% dei casi.

Senza scampo. Quando gli entomologi hanno impedito alle formiche di divaricare le mandibole, le possibilità di salvarsi si sono dimezzate. La forza di slancio delle mandibole si deve a un paio di muscoli contrattili nel capo delle formiche, che permettono di accumulare energia elastica da rilasciare tutta insieme, nel momento del bisogno.

Nella playlist di video qui sotto, potete osservare vari tentativi di fuga delle formiche trappola: alcuni andati a buon fine, altri un po' meno.

17 maggio 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us