Animali

Le cubomeduse imparano dall’esperienza

Pur essendo prive di un sistema nervoso centrale, le cubomeduse imparano, e sanno cambiare il loro comportamento.

Le cubomeduse sono animali marini simili alle meduse (come  suggerisce il nome) che fanno parte di una classe che  comprende una cinquantina di specie famose soprattutto perché producono tossine molto potenti e potenzialmente letali anche per l'uomo. Come le loro parenti più famose, anche le cubomeduse sono prive di un sistema nervoso centrale, e sono "controllate" da una rete neurale diffusa in tutto il corpo e che comprende una manciata di neuroni – circa 1.000, contro i (per esempio) 100 miliardi dell'uomo. Ecco perché il team dell'università di Kiel, in Germania, che ha pubblicato questo studio su Current Biology, è rimasto stupito dai propri stessi risultati: un esperimento sulla cubomedusa caraibica Tripedalia cystophora, che dimostra come, pur in assenza di cervello, questo animale sia in grado di imparare dalle esperienze passate, e modificare il suo comportamento di conseguenza.

Ogni giorno è una novità. La specie protagonista dell'esperimento vive nei Caraibi, tra le radici delle mangrovie, dove passa le giornate andando a caccia di copepodi, piccoli crostacei molto diffusi in tutte le acque del mondo. Ogni giorno, queste cubomeduse devono affrontare un grosso problema: se si avvicinano troppo alle radici, infatti, rischiano di "infortunarsi" sbattendoci contro. Se al contrario non si avvicinano abbastanza, non riescono ad afferrare le loro prede. Per valutare la distanza dalle mangrovie, le cubomeduse usano come riferimento, come scoperto nell'esperimento, il contrasto cromatico tra le radici e l'ambiente circostante – che però cambia in continuazione, perché è influenzato dalla presenza o meno di alghe, dalla pioggia in superficie, da quanto l'acqua è agitata… come fanno quindi a non farsi male ogni santo giorno?

Brave come i topi. Per scoprirlo, alcune cubomeduse sono state piazzate in un grosso acquario "arredato" per simulare una foresta di mangrovie, e osservate giorno dopo giorno nei loro sforzi di caccia. Quello che il team ha scoperto è che gli animali vanno a sbattere contro le radici molto più spesso a inizio giornata, e man mano che passa il tempo imparano a evitarle: nell'esperimento, sette minuti sono stati sufficienti per ridurre il numero di scontri del 50%. Questo significa che le cubomeduse imparano dagli stimoli visivi e meccanici, e applicano quello che hanno imparato al loro comportamento. Lo fanno anche molto in fretta: i loro tempi sono paragonabili a quelli di animali "superiori" come i topi. E soprattutto lo fanno senza un cervello, e usando solo un migliaio di cellule nervose: il sospetto è che abbiamo sempre sopravvalutato le capacità intellettuali di questi e forse altri animali privi di sistema nervoso centrale.

6 ottobre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us