Animali

I voli pilotati dei veri draghi

I draghi volanti usano le zampe anteriori per distendere le "ali" quando planano da un ramo all'altro, e forse anche per cambiare direzione.

Come un supereroe che dispieghi il mantello prima di spiccare il volo, così anche i draghi volanti - le lucertole del genere Draco, note per le loro planate da un ramo all'altro - tengono le estremità delle loro ali con le zampe anteriori. Le loro "mani" potrebbero essersi evolute apposta per distendere i patagi, le membrane laterali che servono a mantenerle in aria.

Colti sul fatto. A questa conclusione è arrivato Maximilian Dehling, erpetologo dell'Università di Koblenz, Germania, dopo avere studiato e fotografato il volo di 50 draghi volanti nell'India meridionale. In ogni "tuffo", appena dopo il salto iniziale, gli animali hanno afferrato con le zampe anteriori i patagi tenendoli tesi per tutta la durata del salto, abbandonandoli appena prima della fine, per prepararsi all'atterraggio.

Il volo di un "drago" fotografato dal basso. © Maximilian Dehling

Virate. Il movimento è molto rapido e difficile da osservare, se non in foto: il sospetto è che le zampe possano servire anche a inclinare le "ali", cambiando direzione (ma le sterzate potrebbero semplicemente avvenire inclinando la schiena).

selezionate apposta. Dehling ha osservato che gli arti anteriori dei draghi volanti sono capaci di piegarsi di 90°, diversamente da quelli delle altre lucertole: l'analisi dei reperti contenuti nelle collezioni di alcuni musei ha confermato la sua teoria. Questi rettili potrebbero quindi aver evoluto "braccia" capaci di inclinarsi apposta per aiutarli nel volo. E alcuni lucertoloni preistorici potrebbero aver volato nello stesso modo.

3 dicembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us