Animali

I voli pilotati dei veri draghi

I draghi volanti usano le zampe anteriori per distendere le "ali" quando planano da un ramo all'altro, e forse anche per cambiare direzione.

Come un supereroe che dispieghi il mantello prima di spiccare il volo, così anche i draghi volanti - le lucertole del genere Draco, note per le loro planate da un ramo all'altro - tengono le estremità delle loro ali con le zampe anteriori. Le loro "mani" potrebbero essersi evolute apposta per distendere i patagi, le membrane laterali che servono a mantenerle in aria.

Colti sul fatto. A questa conclusione è arrivato Maximilian Dehling, erpetologo dell'Università di Koblenz, Germania, dopo avere studiato e fotografato il volo di 50 draghi volanti nell'India meridionale. In ogni "tuffo", appena dopo il salto iniziale, gli animali hanno afferrato con le zampe anteriori i patagi tenendoli tesi per tutta la durata del salto, abbandonandoli appena prima della fine, per prepararsi all'atterraggio.

Il volo di un "drago" fotografato dal basso. © Maximilian Dehling

Virate. Il movimento è molto rapido e difficile da osservare, se non in foto: il sospetto è che le zampe possano servire anche a inclinare le "ali", cambiando direzione (ma le sterzate potrebbero semplicemente avvenire inclinando la schiena).

selezionate apposta. Dehling ha osservato che gli arti anteriori dei draghi volanti sono capaci di piegarsi di 90°, diversamente da quelli delle altre lucertole: l'analisi dei reperti contenuti nelle collezioni di alcuni musei ha confermato la sua teoria. Questi rettili potrebbero quindi aver evoluto "braccia" capaci di inclinarsi apposta per aiutarli nel volo. E alcuni lucertoloni preistorici potrebbero aver volato nello stesso modo.

3 dicembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us