Le lacrime di coccodrillo piacciono alle farfalle e alle api assetate

Non è vero che i rettili piangono pentiti, ma le lacrime di coccodrillo (anche se in questo caso è un caimano) servono a dissetare altri animali.

plosone_1371872
Un caimano dagli occhiali con una farfalla (Dryas iulia) e un'ape solitaria (Centris sp.). © Carlos de la Rosa

Non è vero che i coccodrilli  piangono perché si pentono di aver mangiato, ma loro e i loro parenti si fanno scappare ogni tanto qualche lacrima. E, in momenti e luoghi particolari, queste stille di liquido servono ad altri animali.

Le lacrime infatti sono ricche di sali e proteine, materiali di cui le specie animali di terraferma sono sempre carenti. Ecco perché la farfalla e l'ape della foto qui in alto si sono fatti sorprendere a bere qualche lacrima dagli occhi di un caimano dagli occhiali (Caiman crocodilus).

L'immagine è stata scattata da Carlos de la Rosa, ecologo acquatico e direttore della Stazione Biologica La Selva a San Pedro, in Costa Rica.

La scienza delle lacrime
Dopo aver osservato per molti minuti la scena, de la Rosa ha cercato nella letteratura scientifica quanto fosse comune il fenomeno.

E ha scoperto che le osservazioni, anche se non scientifiche, provengono da tutto il mondo e molto probabilmente descrivono un evento piuttosto comune. L'ecologo si è spiegato il comportamento degli insetti proprio con la ricerca di pochi milligrammi di sali minerali e proteine che si trovano nelle lacrime dei rettili. La pubblicazione sulla rivista americana Frontiers in Ecology and the Environment serve a dare dignità scientifica al fenomeno. Oltre che spiegare un altro piccolo tassello della natura e premiare la curiosità e la pazienza dei ricercatori.

Ti potrebbero interessare
Gli animali piangono?

A proposito di coccodrilli, una sequenza "inquietante" (leggi)

01 Maggio 2014 | Marco Ferrari