Animali

La scuola dei delfini

I delfini australiani imparano a cacciare con la spugna. È il primo caso di trasmissione culturale tra cetacei in libertà.

La scuola dei delfini
I delfini australiani imparano a cacciare con la spugna. È il primo caso di trasmissione culturale tra cetacei in libertà.

Colpo di spugna.  Dodger, un delfino femmina di due anni, intenta a pescare con la spugna. Anche sua madre si serve della stessa tecnica. Foto: ©  Janet Man.
Colpo di spugna. Dodger, un delfino femmina di due anni, intenta a pescare con la spugna. Anche sua madre si serve della stessa tecnica. Foto: © Janet Man.

Che i delfini fossero tra gli animali più intelligenti non è mai stato in discussione. Anzi, le più recenti ricerche lo hanno confermato. L'ultima, condotta da Michael Krützen dell'Università di Zurigo e pubblicata sull'ultimo numero del Journal Proceedings of the National Academy of Science (PNAS), è riuscita addirittura a dimostrare che alcuni delfini australiani utilizzano degli attrezzi per procurarsi cibo e - particolare ancora più eclatante -si trasmettono questa conoscenza tra loro. Si tratta della prima conferma di una trasmissione culturale tra mammiferi marini non in cattività.
Hanno naso per la pesca. Privi di mani, i delfini non sono facilitati nel ricorso a strumenti. Ma in una colonia di 3000 delfini ( Tursiops truncatus) che vivono nella Shark Bay, sulla costa est dell'Australia, le femmine utilizzano le spugne per cercare cibo.«Utilizzano le spugne come una specie di guanto per proteggere il muso mentre lo utilizzano per sondare il fondo marino alla ricerca di cibo» spiega Krützen.
L'Eva dei delfini. Il ricercatore svizzero ha scoperto che le femmine del gruppo insegnano questa curiosa tecnica alle loro figlie. Analizzando il Dna mitocondriale, che si trasmette soltanto attraverso la linea femminile, Krützen è anche giunto alla conclusione che le utilizzatrici delle spugne sono tra loro “parenti”. In particolare ci sarebbe stata una specie di “Eva” dei delfini “spugnatori” da cui tutte discendono. Ma la capacità di utilizzare le spugne non sarebbe un tratto ereditario. L'ipotesi di un “gene della caccia a spugna” non è stata infatti confermata e i ricercatori hanno concluso che tale comportamento è culturalmente trasmesso di generazione in generazione.
Pochi vanno a scuola. L'arte di imparare a utilizzare determinati strumenti dagli altri è una condizione rara nel mondo animale. Finora è stata dimostrata soltanto tra gli scimpanzé (Pan troglodytes) che si trasmettono l'uso delle pietre per aprire le noci o di bastoncini per cacciare le formiche (e come nel caso dei delfini, le femmine dimostrano di essere più "secchione" dei maschi), e gli oranghi. In altri casi il ricorso a strumenti sembra legato a fattori ereditari. Ne è un esempio il corvo della Nuova Caledonia (Corvus moneduloides) che si serve di ramoscelli per prendere il cibo in tutti gli angoli degli alberi in modo naturale. Nessuno glielo insegna.

(Notizia aggiornata al 7 giugno 2005)

7 giugno 2005
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us