Animali

La pipì non fa congelare le rane

Un composto presente nelle urine farebbe sopravvivere alcune rane a temperature polari in grado di congelare il 65 per cento del loro sangue.

La pipì non fa congelare le rane
Un composto presente nelle urine farebbe sopravvivere alcune rane a temperature polari in grado di congelare il 65 per cento del loro sangue.

Una rana lignea (Rana sylvatica) fotografata in Alaska.
Una rana lignea (Rana sylvatica) fotografata in Alaska.

Ogni animale ha i suoi metodi per superare indenne i rigori dell'inverno. Lo stratagemma messo in atto dalla rana lignea (Rana sylvatica, una specie che vive ai limiti del Circolo Polare Artico) è però quantomeno singolare. Questo piccolo animale, infatti, si protegge dal freddo non facendo la pipì.
Freddo polare. Secondo un recente studio condotto da Jon Costanzo e Richard Lee della Miami University di Oxford, Ohio, trattenere le urine assicurerebbe il riassorbimento dell'acido urico, una sostanza che in condizioni normali, se non eliminata, può essere molto pericolosa per le cellule. Ma in inverno, quando le temperature portano allo stato di congelamento il 65 per cento del sangue della rana lignea, l'acido urico fungerebbe da protezione.
Smettendo quasi completamente di urinare, le rane polari innalzano i livelli di acido urico nel sangue e riescono così a sopravvivere.
Un bagno nell'acido urico. Per far luce su come questa sostanza influisca sulla temperatura corporea, Costanzo e Lee hanno immerso campioni di sangue e di tessuto corporeo di rane lignee in una soluzione di acido urico e hanno sottoposto il tutto a un ciclo di congelamento. L'esperimento ha confermato l'ipotesi iniziale: ai dosaggi riscontrati nelle rane l'acido urico è in grado di proteggere le cellule dall'ibernazione. Non è però completamente chiaro come ciò avvenga. Un'ipotesi è che l'acido possa regolare l'entrata e l'uscita di acqua dalle cellule (osmosi), meccanismo fondamentale per il mantenimento di un'adeguata temperatura corporea. Inoltre è probabile che la sostanza agisca sull'intero metabolismo, rallentando il funzionamento del fegato e dei tessuti muscolari ma lasciando inalterate le funzioni basilari per la sopravvivenza.

(Notizia aggiornata al 7 novembre 2005)

7 novembre 2005
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us