Animali

La notte delle farfalle

Alcune falene vedono i colori dei fiori. Anche nella notte più fonda.

La notte delle farfalle
Alcune falene vedono i colori dei fiori. Anche nella notte più fonda.

La falena Deilephila elpenor fotografata nel suo ambiente naturale.©Moths and Butterflies of Europe (www.leps.it)
La falena Deilephila elpenor fotografata nel suo ambiente naturale.
©Moths and Butterflies of Europe (www.leps.it)

“Di notte tutti i gatti sono neri”, dice un proverbio. Ma non per le farfalle notturne, che distinguono i colori anche con pochissima luce. È la scoperta di tre studiosi svedesi della Lund University, che hanno sottoposto la specie Deilephila elpenor, una grossa farfalla notturna europea, ad alcuni esperimenti. Hanno addestrato alcune farfalle ad associare un colore (giallo o blu) a un premio di zucchero, che potevano succhiare da alcuni fiori artificiali. Insieme ai fiori colorati, ce n'erano anche alcuni grigi, per capire la capacità di distinzione delle farfalle. Le quali sono state capaci di distinguere i fiori colorati da quelli grigi in ogni condizioni di luce, da quelli di un tramonto (0,01 candele per metro quadrato) a quelle delle notte fonda (0,0001 candele per metro quadrato).
Non solo, ma le farfalle riconoscevano i colori di due fiori artificiali (uno verde e uno turchese) anche in condizioni di illuminazione differente, cioè con luce ambiente bianca e gialla. I ricercatori hanno anche calcolato quanti sono i fotoni che colpiscono gli elementi (ommatidi) degli occhi delle farfalle: ogni singolo ommatidio riceve da 1 a 16 fotoni, e solo con questi riesce a distinguere i colori dei fiori.

(Notizia aggiornata al 5 novembre 2002)

30 ottobre 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us