Animali

La memoria dei migratori

Gli uccelli che si spostano per migliaia di chilometri ricordano dov'è il cibo a distanza di un anno.

La memoria dei migratori
Gli uccelli che si spostano per migliaia di chilometri ricordano dov'è il cibo a distanza di un anno.

Questa piccola magnanina, una specie del genere Sylvia (Sylvia undata) non è migratrice, e ha una memoria più breve di quella di altri uccelli simili che migrano, come la capinera.
Questa piccola magnanina, una specie del genere Sylvia (Sylvia undata) non è migratrice, e ha una memoria più breve di quella di altri uccelli simili che migrano, come la capinera.

Gli uccelli migratori ricordano più e meglio di quelli non migratori. È il risultato di una ricerca effettuata in Germania da Claudia Mettke-Hofmann e Eberhard Gwinner, dell'istituto di ricerche ornitologiche Max Planck. Dopo avere scelto due specie molto simili, il beccafico e l'occhiocotto (sono entrambi parenti stretti della capinera, ma il primo migra, il secondo no), li hanno sottoposti ad alcuni esperimenti di memoria, lasciandoli in una gabbia a doppia scelta. Una delle camerette laterali aveva del cibo, l'altra no.
Sia l'occhiocotto sia il beccafico ricordavano bene quale delle due stanzette avesse il cibo, ma solo fino a una settimana dopo l'esperimento iniziale. Per periodi più lunghi, solo il beccafico teneva a mente la posizione del cibo. Anzi, ricordava la stanzetta giusta anche un anno dopo l'esperimento iniziale. Questo dimostra come il patrimonio genetico di specie migratorie sia profondamente diverso da quello delle specie che non si spostano, anche se appartengono allo stesso genere, come appunto l'occhiocotto e il beccafico.

(Notizia aggiornata al 10 maggio 2003)

7 maggio 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us