Animali

La lingua-esca della vipera soffiante

Nascosto nell'erba, il rettile agita la lingua che in questo modo è presa per lombrico: l'inganno perfetto per attrarre rane e altre piccole prede.

Il morso di una vipera soffiante (Bitis arietans) è così letale che stenderebbe velocemente un rinoceronte. Per colpire le prede, però, il rettile africano deve trovarsi a un paio di teste di distanza (5-10 cm). Come attirarle vicino a sé? Semplice: usando la lingua come esca.

L'hanno scoperto, dopo attente osservazioni, i ricercatori della Wits University (Sudafrica): la tattica è piuttosto diffusa nel mondo animale, ma è la prima volta che è documentata tra serpenti di terra.

Trappola mortale. Proprio come altri esseri striscianti, questa vipera usa la lingua per cercare tracce chimiche delle prede (roditori, altri rettili o piccoli anfibi). Una volta individuata la zona di caccia, la predatrice si nasconde nell'erba con la lingua in bella vista. In genere bastano una trentina di secondi perché l'estremità, simile a un lombrico, attragga un piccolo animale - molto spesso una rana, che diviene immediatamente bottino a sua volta.

Nel posto giusto. I ricercatori hanno osservato il comportamento seguendo per tre anni 86 vipere soffianti, con piccole radiotrasmittenti e telecamere notturne, per un totale di 4.600 ore di filmati. Sorprendentemente, l'animale usa questa tattica solo in prossimità di ambienti acquatici, come se sapesse distinguere il tipo di animale di cui si nutrirà (se appunto, anfibi, o altro).

Guardami. Non solo: il serpente è stato visto agitare la coda, forse per attirare a sé le prede. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Behavioral Ecology and Sociobiology, e potete vederne un riassunto nel video qui sotto.

8 febbraio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us