Animali

La linea laterale dello squalo

Individua le prede a chilometri di distanza, e finora si pensava di sapere bene come ci riesce. Ma adesso si è scoperto che ha un'arma segreta.

La linea laterale dello squalo
Individua le prede a chilometri di distanza, e finora si pensava di sapere bene come ci riesce. Ma adesso si è scoperto che ha un'arma segreta.

È il più temibile predatore del mare.


Ha sul muso degli elettroricettori che gli permettono di individuare una preda a chilometri di distanza, e grazie all'olfatto è capace di fiutare una particella di sangue in una piscina olimpionica. Ma, come se non bastasse tutto questo a farne il cacciatore più temuto del mare, ora si scopre che ha pure una specie di sonar: è un canale innervato che, dal cranio, si sviluppa lungo i fianchi e, attraverso i pori, capta le vibrazioni nell'acqua! E pare che sia proprio questa "linea laterale" la sua arma vincente, piuttosto che il fiuto, come si è finora creduto.

A caccia, guidato da elettroricettori,
olfatto da segugio e sonar.
Niente antibiotici, sono uno squalo
I biologi marini dell'Università di Boston hanno infatti scoperto che, se non può contare sulla cosiddetta linea laterale, il grande predatore si gioca buona parte della sua fama. E soprattutto si perde le prede. I ricercatori lo hanno messo alla prova in diverse condizioni di luce (fluorescente e a infrarossi) e con la linea laterale fuori uso grazie alla streptomicina, antibiotico che interferisce con le normali funzioni sensoriali degli squali. Poi gli sono stati sottoposti odori di diversa intensità. Gli squali con la linea laterale "operativa" hanno raccolto la sfida e hanno puntato quello più confuso ma appetitoso, senza badare alle condizioni di luce. E quelli a cui era stato somministrato l'antibiotico?

Buio nell'oceano
Un po' più di tempo, ma alla fine anche gli squali con la line laterale "manomessa" ce l'hanno fatta a raggiungere l'odore (e la preda) che li ispirava di più. La luce li ha aiutati a muoversi tra i fondali. Quando è calato il buio però la situazione si è complicata. Solo pochi esemplari sono riusciti a trovare le prede che i ricercatori avevano preparato. Ma senza badare all'odore giusto. «Questi risultati - scrivono i ricercatori nel loro rapporto - dimostrano per la prima volta che lo squalo ha bisogno sia dell'olfatto che della linea laterale per individuare gli odori a colpo sicuro.»

(Notizia aggiornata al 1° giugno 2007)

1 giugno 2007
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us