Perché si dice che il gatto nero porti sfortuna?

Cosa c’è di peggio di un gatto nero il giorno 17? Superstiziosi? Questa foto del giorno è dedicata proprio a voi! Oggi è infatti il "Gatto nero day" indetto dall’Associazione italiana difesa...

tip_381bio1590_web
La giornata del gatto nero.|Photo credit: Klein J.-L. & Hubert M.-L., TipsImages

Cosa c’è di peggio di un gatto nero il giorno 17? Superstiziosi? Questa foto del giorno è dedicata proprio a voi! Oggi è infatti il "Gatto nero day" indetto dall’Associazione italiana difesa animali ed ambiente (Aidaa) a difesa della dignità del gatto nero.
Per i piccoli felini però non è solo una questione di decoro, secondo l’associazione ogni anno 60 mila gatti neri vengono uccisi a causa di una sciocca credenza. La diceria che il gatto nero porti sfortuna ha origine nel Medioevo quando i gatti in genere erano considerati i diabolici compagni delle streghe, per la loro abitudine a uscire di notte. Quelli di colore nero inoltre, non molto visibili nell'oscurità, facevano imbizzarrire i cavalli e i cavallieri cadevano di sella. Da qui l’idea che portino sfortuna quando ci attraversano la strada. In realtà gli unici a rischiare sono i mici, che facilmente possono finire sotto le ruote di qualche automobilista poco attento.
Sei appassionato di gatti neri? Ne hai uno? Mandaci la foto al gruppo Gatti in bianco e nero. Molte altre curiosità e informazioni sui gatti nella fotogallery La tigre di casa e nel blog A proposito di cani e gatti.

17 Novembre 2007 | Federica Ceccherini