Animali

La rana che ha ingoiato un serpente: i segreti di una foto virale

La sorte del rettile, le incongruenze nella scena e la scienza dei pasti di questi anfibi, che inghiottono le prede mentre sono ancora vive.

Difficile non empatizzare con questo serpente, intrappolato nell'esofago di una vorace (e scivolosa) rana. Lo scatto di ignota attribuzione, realizzato forse in Australia, risale ormai a qualche anno fa, ma è stato di recente ripreso e postato da un utente su Reddit.

Di bocca buona. A ricostruire la scena nella foto è un articolo pubblicato su Live Science. Benché non si possa del tutto escludere che l'immagine sia stata ritoccata (visto che nulla si sa sull'autore), la foto appare verosimile sotto molti punti di vista. L'anfibio è stato identificato come una raganella cerulea australiana (Litoria caerulea) da Jodi Rowley, curatrice dell'Amphibian and Reptile Conservation Biology dell'Australian Museum e dell'Università del New South Wales.

Queste rane che da adulte raggiungono i 10-12 cm, inghiottono praticamente tutto quello che gli si para davanti alle fauci: insetti, piccoli roditori, altre rane e talvolta giovani serpenti. Secondo Rowley, l'esofago dell'anfibio appare un po' "ristretto" rispetto alle dimensioni del muso, ma è possibile che sia così perché la foto è stata scattata mentre il serpente si dimenava per uscire.

Quale sorte? Difficile che il rettile sia sopravvissuto a lungo: quando la rana chiude le fauci, le creature al loro interno muoiono in genere soffocate entro un minuto o due (anche se in alcune rare circostanze i serpenti riescono a uscire dall'ano del predatore miracolosamente vivi).

Incontro non casuale? Secondo Paul Oliver, ricercatore dell'Australian National University, il rettile sembrerebbe un giovane e minuto serpente bruno orientale (Pseudonaja textilis), ma allora potrebbe esserci un problema temporale. La scena è stata catturata di giorno, mentre questo rettile (peraltro velenoso) ha abitudini notturne. Difficile pensare si sia trattato di un incontro naturale: se così fosse, l'interazione potrebbe essere stata favorita dalla mano dell'uomo. La rana avrebbe poi, per istinto, inghiottito il poveretto. Ma potrebbe anche trattarsi di un serpente asiatico d'acqua (Xenochrophis piscator).

Vendetta tremenda vendetta. In ogni caso, alla rana sembra essere andata meglio di quando prova a inghiottire le larve degli scarabei del genere Epomis. Queste attirano gli anfibi muovendosi come prede, ma poi li immobilizzano e se ne cibano a loro volta, mangiandoli vivi.

25 ottobre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us