Scorpioni by night

42-20134218copia
Uno scorpione fluorescente sotto i raggi UV|Ian Shive/Aurora Photos/Corbis
Se l’idea di trovarvi a tu per tu con uno scorpione non vi esalta, pensate a come potrebbe essere incontrarne uno al buio che per di più brilla!
Non si tratta di un’ipotesi surreale né dell’ennesima mutazione genetica, ma di una curiosa caratteristica di questi aracnidi notturni i quali, se esposti a luce ultravioletta, emettono un bagliore verde brillante.
Tecnicamente la fluorescenza degli scorpioni è data dallo strato di ialina presente nella cuticola dell’esoscheletro, ma la sua funzione resta ancora un mistero.
Eppure non è una novità: persino i resti di antichi fossili con la cartilagine intatta brillano al buio se sottoposti a raggi UV. Tra le ipotesi più recenti spicca quella del biologo Douglas Gaffin dell’Università dell’Oklahoma, secondo il quale l’intero carapace dello scorpione sarebbe in grado di percepire la luce ultravioletta inviando al sistema nervoso informazioni sull’ambiente circostante, proprio come se tutto il corpo fosse un gigantesco occhio. Questo permetterebbe loro di nascondersi velocemente anche al buio trovando agevolmente un rifugio adeguato.

Questa degli scorpioni e tante altre sorprese dal piccolo mondo degli invertebratii: non perderti la fotogallery a loro dedicata.

Dagli scorpioni ai gatti: leggi qui come i felini fluorescenti vengono usati per combattere l’AIDS.
09 Febbraio 2012 | Rebecca Mantovani