Animali

L’anatra demoniaca australiana (estinta per colpa nostra)

Le analisi sui frammenti di un guscio preistorico trovato nelle sabbie australiane confermano che i primi australiani si nutrivano con le uova di un uccello alto due metri. Finendo per farlo estinguere 50.000 anni fa.

Non tutte le controversie scientifiche hanno la stessa fama; anzi, la maggior parte si consumano privatamente, tra studi e pubblicazioni, senza clamore. È il caso della controversia che scuote da anni la comunità paleontologica australiana, relativa alle uova di un certo uccello estinto: ne avevate mai sentito parlare? Eppure ora, in uno studio pubblicato su PNAS, questo dibattito decennale viene finalmente chiuso: ora sappiamo di che cosa si nutrivano i primi australiani, 50.000 anni fa, e che effetto ha avuto la loro dieta sull'ecosistema locale.

La controversia in questione è relativa a una serie di resti fossili trovati nel sudest dell'Australia quasi quarant'anni fa. Si tratta di gusci bruciati di uova rinvenuti nei pressi di accampamenti umani: con ogni probabilità si tratta quindi di resti alimentari. I primi australiani si nutrivano dunque di queste uova – che però, almeno fino a oggi, era stato impossibile identificare con certezza.

L'unico guscio d'uovo di Genyornis quasi completo mai trovato: è stato raccolto in Australia meridionale. I quattro fori sull'uovo confermano che fu predato da un marsupiale spazzino.
L'unico guscio d'uovo di Genyornis quasi completo mai stato trovato: è stato raccolto in Australia meridionale. I quattro fori sull'uovo confermano che fu predato da un marsupiale spazzino. © Gifford H. Miller

DI CHI SONO QUESTE uova? Secondo alcuni esperti quelle uove appartenevano a Genyornis, un gigantesco uccello alto più di due metri della famiglia Dromornithidae, il cui soprannome in inglese è demon duck of doom, l'"anatra demoniaca del fato". Un'altra interpretazione era che le uova appartenessero invece a Progura, un altro uccello estinto di dimensioni più modeste, all'incirca quelle di un tacchino. Finora, identificare con precisione il proprietario delle uova era stato impossibile, perché i resti fossilizzati non contengono materiale genetico.

Il trucco delle proteine. Le uova, però, «sono strutture minerali che possono intrappolare certe proteine e preservarle anche per milioni di anni» come ha spiegato Matthew Collins di Cambridge, uno degli autori dello studio. Il ricercatori hanno potuto quindi identificare queste proteine e confrontarle con quelle di alcune specie viventi.

Il confronto ha permesso di stabilire che le uova sono state deposte da un animale evolutosi prima della comparsa di Progura – tutti gli indizi, quindi, portano a Genyornis, l'anatra gigantesca. Che si è estinta, probabilmente per colpa nostra: non perché 50.000 gli australiani la cacciassero, ma perché lanciavano veri e propri raid nei suoi nidi per rubare le uova. La grande quantità di furti, secondo gli autori dello studio, ha contribuito in maniera decisiva al declino e poi alla scomparsa delle anatre demoniache.

4 giugno 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us