Animali

Come il WWF sta provando a salvare i koala in via di estinzione

In Australia, 200 anni fa, c'erano milioni di koala: oggi sono solo 100.000. Ma il progetto Koalas Forever del WWF cerca di raddoppiarne la popolazione entro il 2050. Ecco come.

«Duecento anni fa in Australia c'erano milioni di koala. Oggi ne rimangono circa 100.000, e ogni anno ce ne sono sempre di meno». Tanya Pritchard, conservazionista del WWF che lavora da sempre nella sua terra natìa, non usa mezzi termini per descriverci la situazione di quello che lei stessa definisce "l'animale più iconico d'Australia". Pritchard è la program manager di Koalas Forever, un progetto del WWF nato due anni fa in seguito alla "estate nera" degli incendi e che ha come ambizioso obiettivo quello di raddoppiare la popolazione di koala in Australia entro il 2050. «È ambizioso perché i loro numeri sono in declino da anni, e non solo per colpa degli incendi. Ma abbiamo un programma costruito su cinque pilastri che stanno già portando investimenti notevoli per interventi di conservazione e ripopolamento, e vogliamo fare sempre di più».

Cover Focus 362
Nel numero 362 di Focus attualmente in edicola, trovate uno speciale dedicato anche ad altri progetti di conservazione del WWF, che coinvolgono elefanti, il leopardo delle nevi, cetacei.

Proteggere e ripristinare. Un tempo abbondanti e distribuiti anche verso ovest, dove ormai sono quasi spariti, i koala hanno cominciato ad avere problemi con noi umani solo nell'ultimo secolo: nella prima metà del Novecento, milioni di esemplari vennero sterminati per la loro pelliccia. La caccia al koala venne vietata negli anni Sessanta, sostituita però da «disboscamenti che distruggono migliaia di ettari ogni anno: il 70% dell'habitat dei koala in Australia si trova su terreni privati, dove non è facile fermare i tagli. E ci sono anche molte aree di proprietà dello stato che sono habitat perfetti per i koala ma sono soggette a prelievo di legno».

Conservare questi rifugi (e ripristinare l'ecosistema se i rifugi sono stati distrutti) è uno dei cinque "pilastri" del programma Koalas Forever: «Ci sono aree» ci spiega Pritchard «che sono particolarmente importanti perché si prevede che verranno meno colpite dai cambiamenti climatici, e resteranno quindi un habitat prezioso e intatto dove i koala possono rifugiarsi. Stiamo parlando di zone anche molto grandi, perché i koala hanno un areale molto ampio e variegato: se un'area ospita i koala significa che è in salute, e che anche le altre specie che ci abitano stanno bene».

Koala
Due koala. © slowmotiongli/Shutterstock

Ricostruire l'habitat. Tutti questi interventi (conservazione, istituzione di nuove aree protette, stop ai tagli…) erano necessari anche prima del 2019, ma la devastazione causata dagli incendi per i due anni successivi li hanno resi urgenti e improrogabili – e hanno portato quindi alla nascita di Koalas Forever. «Gran parte dell'habitat dei koala oggi è frammentato, interrotto da radure causate dai tagli o dagli incendi: per questo stiamo lavorando, anche con la collaborazione delle popolazioni locali, per costruire corridoi ecologici che i koala possano attraversare in sicurezza. Stiamo ripiantando tantissimi alberi: solo quest'anno, e solo nella regione dei Northern Rivers nel New South Wales, abbiamo piantato più di 150.000 piante, di eucalipto e non solo».

Un po' di speranza. Fortunatamente, ci dice Pritchard, l'impresa di raddoppiare in meno di trent'anni una popolazione che è in declino da decenni è resa un po' più facile dalla collaborazione di tutte le parti in causa, a partire dal governo australiano: «A febbraio di quest'anno il governo ha cambiato la classificazione del koala da "vulnerabile" a "in pericolo". Questo ha colpito molto la Nazione, e il Governo stesso ha intensificato gli investimenti e sembra più attento alla situazione». Lo stesso vale per la popolazione, che dopo l'estate nera ha capito che «sono rimasti talmente pochi koala che ogni singolo esemplare conta: ecco perché abbiamo anche una rete di ospedali da campo che si occupano di curare gli animali feriti o rimasti orfani, e di reintrodurli in natura – con risultati finora eccellenti e un tasso di sopravvivenza molto alto». Sembra insomma che i koala stiano riuscendo nell'impresa di mettere (quasi) tutti d'accordo, e di convincere un intero continente a lottare per la loro sopravvivenza. D'altra parte, come dice Pritchard, «i koala sono un simbolo: se non riusciamo a salvare neanche loro, che speranza abbiamo per il resto del Pianeta?».

23 novembre 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us