Il fratino batte Jovanotti

Un gruppo di cittadini, ricercatori e ambientalisti ha chiesto a Jovanotti di annullare una delle tappe del suo prossimo tour di concerti perché prevista in un'area dove nidifica il fratino, un uccello la cui specie è già in netta diminuzione. E alla fine ha convinto il cantante ad annullare la data.

snowy_plover_morro_strand
| Wikimedia

Aggiornamento di mercoledì 21 dicembre, ore 21.00

 

Alla fine, nella lotta tra Golia-Jovanotti e Davide-Fratino,

 

ha vinto il secondo, il più indifeso. Insomma, l'uccellino.

 

Lorenzo Jovanotti ha deciso infatti di annullare la tappa del suo "Jova Beach Party" prevista per il 16 luglio a Ladispoli (Roma). Un concerto che era stato criticato da diversi esperti perché si sarebbe svolto a ridosso di un'area protetta dove nidifica il Fratino eurasiatico (Charadrius alexandrinus), una specie di uccello in pericolo. Jovanotti ha comunicato la decisione sui suoi profili social. Qui sotto, l'articolo che avevamo pubblicato poco prima dell'annuncio di Jovanotti.

 

La notizia forse l'avete già... assaggiata in giro per la Rete o su radio e tv: un gruppo di cittadini, ricercatori e ambientalisti ha chiesto ufficialmente a Lorenzo Jovanotti, il popolare cantante toscano, di annullare una delle tappe del suo prossimo tour di concerti, Jova Beach Party, prevista per il 16 luglio 2019 sulla spiaggia di Torre Flavia, a Ladispoli (Roma).

 

Il motivo? La spiaggia sorge in un’area protetta dove nidifica il Fratino eurasiatico (Charadrius alexandrinus). È un uccello di una specie in pericolo, caratterizzato da piumaggio chiaro con il dorso grigio-marrone, zampe e becco scuri, che nidifica in zone aperte, come rive di laghi salati, lagune e coste. Cosa desta tanta preoccupazione? Il fratino ama stare sulle dune di sabbia e nelle paludi. Il suo nido è una buchetta nella sabbia, e le uova sono estremamente mimetiche, tanto che passano inosservate. I suoi piccoli sono indipendenti appena usciti dall'uovo. Ecco perché l'idea di portare "in casa sua" quello che gli organizzatori stessi definiscono "un villaggio sulla spiaggia", che dovrebbe attirare ben 30 mila persone, stia sollevando più di un dubbio...

 

Oggi c’è stato l’incontro di verifica e di confronto nel Comune di Ladispoli per il Jova Beach Party. Erano presenti i rappresentati degli enti territoriali competenti , Trident Music (che produce Jova Beach Party e che aveva presentato il primo progetto in base all’area che era stata suggerita), il Direttore generale del WWF e il consigliere nazionale LIPU (lega protezione uccelli). Domani dovrebbero essere in grado di darci una riposta definitiva sull’esito della riunione e sul sopralluogo che è stato fatto stamattina con tutti i presenti. Io sono tranquillo, per me si tratta di fare le cose per bene e basta, costruendo la festa nel migliore dei modi curando i dettagli per poi passare una grande giornata, nel rispetto di tutti e soprattutto nel rispetto di chi non ha voce e non può partecipare alle riunioni, ovvero gli animali e l’ambiente. Credo che tutti stiano lavorando con grande serietà, sono state proposte delle alternative, e tutti stanno facendo le verifiche necessarie. #jovabeachparty @wwfitalia #ohvita #ladispoli

Un post condiviso da lorenzojova (@lorenzojova) in data:

 

Per ora Jovanotti, attraverso il suo account Instagram, ha rassicurato tutti dichiarando che gli organizzatori dei concerti si stanno confrontando con esperti della Lipu (Lega italiana protezione uccelli) per condividere almeno alcune scelte: per esempio le date sono state stabilite affinché ogni tappa del tour abbia luogo dopo che il fratino ha completato la nidificazione e abbandonato la zona interessata dal concerto. In un caso (per la tappa di Fermo) si è deciso di posticipare di 15 giorni la data inizialmente prevista. Resta la preoccupazione per la tappa di Ladispoli, in una data, il 16 luglio, che cade in pieno periodo di nidificazione e in un ambiente molto delicato.

 

Sui social network le reazioni sono diverse: c'è l'apprensione dei fan più accaniti, che hanno già acquistato i biglietti e che invitano il loro idolo a non dare troppo peso alle voci di "cretini capaci di riempirsi la bocca di paroloni ambientalisti"; ma si trova anche l'indignazione di chi sostiene che l'idea di organizzare un simile evento in un'area protetta (dove di norma l'accesso non sarebbe consentito nemmeno ai cani) non avrebbe dovuto essere presa nemmeno in considerazione. È di queste ore il parere negativo espresso dalla Lipu e per questo in molti si augurano che si trovi un'alternativa. Chi l'avrà vinta, alla fine? Il fratino-Davide, o Jovanotti-Golia?

 

19 dicembre 2018 | Roberto Graziosi