Focus

Insegniamo al gatto a mettersi “seduto”

Spesso si ritiene che il gatto sia un animale asociale e totalmente indipendente; anzi addirittura molte persone lo ritengono un animale opportunista: quante...

Spesso si ritiene che il gatto sia un animale asociale e totalmente indipendente; anzi addirittura molte persone lo ritengono un animale opportunista: quante volte abbiamo sentito frasi del tipo “ si fa solo i fatti suoi, viene solo quando ha bisogno” riferito al gatto? Niente di più sbagliato: il gatto è un animale solitario sicuramente, ma in grado di stabilire dei legami sociali anche piuttosto forti!
Indubbiamente non dobbiamo considerarlo come un piccolo cane, perché i gatti hanno esigenze etologiche e comportamentali differenti da quelle canine. Grazie ad una profonda conoscenza di queste caratteristiche potremo convivere meglio con il nostro gatto e far vivere meglio lui!
Molti proprietari ritengono di non poter affatto intervenire per poter modificare il comportamento del proprio gatto e pensano che se lo devono tenere così come è. In realtà il comportamento del gatto è modificabile come quello del cane, sicuramente è un lavoro più impegnativo e più lungo, ma con coerenza e costanza si riescono ad ottenere grandi risultati!

Per esempio, è possibile insegnare al gatto a mettersi seduto al comando?
Provate a guardare questo video!



Insegnare al gatto è semplice: la prima cosa da fare è quella di individuare qualcosa di particolarmente appetitoso per il gatto e che lui piaccia tantissimo.
Scegliete dei momenti nella giornata lontano dai pasti, o prima di questi, insomma momenti in cui il gatto dovrebbe avere fame; chiamatelo o andate da lui, fategli vedere il bocconcino di cibo particolarmente appetitoso e ripetere la parola “seduto”.
Portate la mano all’altezza del naso del gatto stando di fronte a lui, spostate la mano in alto sulla sua testa, facendo in modo che il gatto per seguire il bocconcino sposti il suo baricentro indietro e quindi si sieda. Appena lo fa, dategli subito (entro mezzo secondo) il bocconcino. Ripetere l’esercizio consecutivamente per circa dieci volte.
Provare per credere!! Una cosa importante: non rinunciate subito se non riuscite, il gatto ha molta più pazienza di voi!!