Animali

L’inquinamento crea problemi (anche) agli impollinatori

Api, vespe, farfalle e altri impollinatori fanno più fatica a trovare il loro pasto se l'aria che respirano è troppo inquinata.



L'uso di pesticidi e il consumo di suolo sono le due cause principali del crollo del numero degli insetti impollinatori: lo sappiamo ormai da tempo, come sappiamo che, se non agiamo con una certa rapidità, rischiamo di assistere a un'estinzione di massa dagli effetti potenzialmente catastrofici. Quello di cui non abbiamo ancora certezza è il ruolo che ha l'inquinamento dell'aria in questa potenziale ecatombe: le sostanze che vengono immesse in atmosfera dalle automobili disturbano in qualche modo api, vespe, farfalle e altri impollinatori? La risposta, stando a uno studio pubblicato su Environmental Pollution, è sì – purtroppo.

Puzza di benzina. I risultati dello studio non sono una novità assoluta: altri esperimenti di laboratorio condotti in questi anni, avevano dimostrato che le sostanze inquinanti emesse dalle automobili "rovinano" le particelle odorose emesse dalle piante, rendendole più difficili da individuare per gli impollinatori. Il team dell'università di Reading ha però voluto mettere alla prova l'ipotesi fuori dal laboratorio, e ha costruito, in mezzo a un campo di grano nei dintorni della città, un sistema in grado di inquinare selettivamente piccole aree di vegetazione.

L'area di studio è stata divisa in otto settori: in sei di questi, il sistema ha pompato per tre anni consecutivi ozono e ossidi di azoto, in concentrazioni analoghe a quelle che si trovano sui bordi delle strade in Inghilterra. Gli ultimi due settori sono stati lasciati incontaminati e hanno funto da controllo.

Gli impollinatori e la transizione ecologica. Dopo tre anni di osservazioni sono arrivati i risultati. E non sono rassicuranti: le piante sottoposte a inquinamento forzato sono state visitate dal 70% di impollinatori in meno rispetto a quelle campione. Gli stessi autori dello studio ammettono che si aspettavano di vedere un calo, non un crollo: «Non ci aspettavamo dei numeri simili. Se questi risultati sono validi anche su scala più ampia, significa che l'inquinamento dell'aria è un fattore importante nel determinare il calo degli impollinatori, e anche molto sottovalutato», ha spiegato il primo autore dello studio James Ryalls.

Che però propone anche un'interpretazione più ottimista della situazione: a causare questo tipo di inquinamento sono quegli stessi veicoli che stiamo cercando di rendere obsoleti in favore delle auto elettriche. Risolvere il problema dell'inquinamento dell'aria potrebbe quindi essere più facile che risolvere, per esempio, quello dei pesticidi, visto che ci stiamo già lavorando per altri motivi.

1 febbraio 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us