Animali

In Bulgaria il grifone eurasiatico è tornato a volare

Dopo cinquant'anni, il grifone eurasiatico è stato reintrodotto con successo nei Balcani orientali: è il frutto di un progetto durato dieci anni.

Ogni tanto, in mezzo alla valanga di brutte notizie sullo stato di salute degli ecosistemi mondiali, ne spunta una di segno opposto, che riporta un po' di ottimismo e soprattutto dimostra l'importanza dei progetti di conservazione e ripopolamento della fauna che fanno tornare specie in zone dove non si osservavano da decenni.

L'ultima in ordine cronologico arriva dalla Bulgaria, ed è il risultato di uno sforzo di reintroduzione di una specie animale durato più di dieci anni: stiamo parlando del grifone eurasiatico (Gyps fulvus), un rapace che vive sulle montagne di Europa, Africa e Asia e che negli ultimi decenni sta vedendo il suo areale restringersi molto rapidamente.

Quasi scomparso. In certe zone il grifone è addirittura scomparso: è il caso dei Balcani orientali, dove un progetto di reintroduzione cominciato nel 2009, e che ha coinvolto alcune associazioni per la conservazione della natura e il governo della regione spagnola dell'Extremadura, ha riportato circa 80 esemplari a volare in un'area dove mancavano da cinquant'anni. Il progetto è stato raccontato su Biodiversity Data Journal.

Il progetto ha visto coinvolte due associazioni europee, Euronatur e la Vulture Conservation Foundation, che hanno lavorato a stretto contatto con tre associazioni locali, Green Balkans, Fund for Wild Flora and Fauna e Birds of Prey Preservation Society. Questa nutrita squadra si è coordinata con il governo dell'Extremadura, una delle regioni europee dove il grifone eurasiatico è ancora presente e in salute.

Recuperare e spostare. L'idea, infatti, era di recuperare esemplari cresciuti in cattività, oppure messi in salvo da qualche associazione locale di recupero della fauna, e spostarli dal luogo dove venivano trovati (Spagna, appunto, ma anche Francia, e svariatai zoo e centri di riabilitazione in giro per l'Europa) in speciali zone di acclimatazione situate in due aree protette, la Kotlenska Planina Special Protection Area e il Sinite Kamani Nature Park, entrambe sui Balcani orientali in territorio bulgaro.

La "raccolta" è cominciata nel 2009 e si è conclusa nel 2020, e il risultato è che in un'area dove il grifone mancava dagli anni Settanta ora risiedono circa 80 esemplari: tra questi ci sono almeno 25 coppie, che hanno già "prodotto" una trentina di pulcini. Non a tutti è andata bene: circa un terzo degli esemplari reintrodotti in natura sono morti, fulminati dai cavi elettrici; è uno dei più rischi più grossi che corrono i grifoni, insieme a quello di imbattersi in esche avvelenate posizionate da allevatori preoccupati per il loro bestiame.

E ora? Il progetto è comunque considerato un successo, e andrà accompagnato nei prossimi anni da un monitoraggio costante delle coppie, e dalla ricerca di soluzioni a problemi come quello dei cavi dell'alta tensione; ma nonostante questi intoppi, il ritorno del grifone nei Balcani orientali è considerato un successo.

22 maggio 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us