Animali

Il viaggio record della balena

Un team americano ha monitorato alcune balene grigie del pacifico scoprendo, oltre al record di un cetaceo che ha nuotato per migliaia di chilometri, alcuni segreti di una specie su cui si sa ancora poco. 

In 69 giorni, una balena grigia di nome Varvara, ha nuotato per 10.880 chilometri dalla Russia al Messico, stabilendo il record per la più lunga distanza percorsa da un mammifero. Lo ha scoperto un gruppo di biologi del Marine Mammals Institute della Oregon State University, il cui studio è stato pubblicato su Biology Letters.

Il viaggio: andata. Varvara, un esemplare di 9 anni di Eschrichtius robustus, è partita per la sua consueta migrazione autunnale nel novembre 2011 dall'isola di Sakhalin, nell'estremo nordest della Russia, per arrivare nella zona di Cabo San Lucas, nella regione messicana della Baja California per accoppiarsi.

Il tutto monitorato via satellite dal team di scienziati che avevano attaccato un tag satellitare su sette balene grigie mentre frequentavano la loro zona di alimentazione al largo delle coste dell'isola di Sakhalin, in Russia.

La balena grigia ha seguito una rotta che, dopo aver costeggato gli ultimi arcipelaghi della Siberia, l'ha portata ad attraversare il Pacifico in direzione nordovest-nordest, per poi seguire le coste canadesi e americane, giù fino alla penisola messicana.

Il lungo percorso della balena Varvara.

e ritorno. Varvara ha poi invertito la rotta, la primavera successiva, nuotando lungo un percorso più meridionale, arrivando a un totale, andata e ritorno compresi, di una migrazione di 22.511 chilometri in 172 giorni, altro record per un circuito migratorio. Finora il primato apparteneva, secondo uno studio del 2010, a una megattera che percorse 9.800 chilometri dal Brasile al Madagascar.


luce su una specie mistriosa. I ricercatori americani ritengono che la ricerca sia importante perché chiarisce diverse questioni relative alle balene grigie, sulle quali aleggia un po' di mistero per la mancanza di informazioni e monitoraggi consistenti.

Questa specie vive nell'area del nord Pacifico, sia sulle coste orientali sia su quelle occidentali, e si è sempre creduto che si trattasse di due popolazioni separate; la IUCN (International Union for Conservation of Nature) ritiene le balene del versante occidentale a rischio estinzione, stimandone una popolazione di soli 130 esemplari.

La coda di una balena grigia a San Ignacio Lagoon, nella Baja California (Messico). © FLIP NICKLIN/MINDEN PICTURES/Contrasto


Ma il viaggio di Varvara, appartenente alla popolazione "russa" fa pensare che nel tempo possa essere intercorso un mix genetico fra le balene delle due zone, al punto che forse quelle orientali potrebbero esser nient'altro che balene occidentali che si sono spostate. «L'identità della popolazione di balene al largo delle isole Sakhalin va ristudiata», spiega Ladd Irvine, che ha condotto l'indagine.

Un'altra ipotesi che viene messa in discussione è quella relativa alle rotte utilizzate dalle balene grigie: si è sempre pensato che si muovessero lungo linee nord-sud, mantenendosi piuttosto vicine alle coste. Invece le rilevazioni del gruppo americano dimostrano che questi mammiferi hanno capacità di navigazione anche in acque aperte e sono in grado di seguire rotte più varie.

le nuotate di flex e agent. Il monitoraggio delle migrazioni delle balene continua, allo scopo di capire i dettagli di questo eventuale mix genetico.

Altri sei esemplari partiti dalla Sakhalin sono stati seguiti dai satelliti insieme a Varvara, ma gli scienziati sono riusciti a raccogliere i dati relativi solo a due cetacei.

Sono Flex, maschio tredicenne, e Agent, femmina di 6 anni: il primo, dopo una nuotata di 7.611 chilometri, è arrivato alle coste dell'Oregon, mentre la seconda si è fermata prima, in Alaska, al termine di una vasca da 5.464 chilometri.

16 aprile 2015 Martino De Mori
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us