Animali

Il mollusco gigante delle Filippine

Scoperto in una palude delle Filippine un mollusco gigante lungo più di un metro la cui esistenza era nota da secoli ma solo attraverso reperti fossili.  

A vederlo così, sembra uscito da un film della serie Alien, ma in realtà questo mollusco acquatico lungo oltre un metro rappresenta un’importante conferma per scienziati e biologi.

Si chiama Kuphus polythalamia ed è stato scoperto da una spedizione della Northeastern University di Boston nelle paludi delle Filippine.

2 secoli di ricerche. La sua esistenza è nota da circa 200 anni, ma fino ad oggi i ricercatori hanno potuto studiarlo solo attraverso i fossili del suo guscio, dalla forma simile a quella di una mazza da baseball.


Questo mollusco - che assomiglia a un verme ma sarebbe sbagliato definirlo tale - appartiene alla famiglia delle Teredinidi, organismi marini che si nutrono di legno e per questo comunemente chiamati "vermi delle navi".

Autosufficiente. Oltre che per le sue dimensioni eccezionali - alcuni esemplari possono arrivare al metro e mezzo di lunghezza - il Kuphus polythalamia è particolarmente interessante per il curioso processo nutritivo che ha messo a punto con l’evoluzione.

Le branchie di questa specie sono infatti abitate da un batterio capace di trasformare in energia il solfuro di idrogeno presente nell’acqua. Quest’energia viene poi impiegata per trasformare in elementi nutritivi la CO2 presente nell’acqua stessa.


In questo modo l’animale è completamente autosufficiente e non ha bisogno di spostarsi o uscire dal proprio guscio per andare alla ricerca di cibo.

Brutto ma utile. Dan Distel, uno dei biologi di Boston che ha partecipato alla scoperta, ha spiegato al Guardian come lo studio di un animale che convive con dei batteri all’interno del proprio organismo senza contrarre malattie potrà aiutarci a migliorare la nostra conoscenza delle infezioni e dei meccanismi di contagio.

2 maggio 2017 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us