Il veleno dei serpenti, quello dei mammiferi e la più innocua saliva umana hanno un'origine unica, che risale a un antenato comune...

Veleno e saliva non sono poi così diversi: derivano entrambi da una proteina vecchia di 300 milioni di anni, che con il tempo e la necessità si è evoluta in due forme molto diverse – una perfettamente innocua, l'altra potenzialmente letale.

È il risultato di uno studio internazionale, una collaborazione tra l'Okinawa Institute of Science and Technology Graduate University, in Giappone, e l'Australian National University di Canberra che ha permesso di ricostruire le storie evolutive della saliva (umana, ma non solo) e del veleno usato da molti serpenti e anche qualche mammifero. Lo studio è stato pubblicato su BMC Biology.

Le protagoniste dello studio hanno un nome complicato: si chiamano callicreine, e sono un sottogruppo delle proteasi a serina, enzimi capaci di rompere specifici legami presenti nelle proteine. In altre parole sono una classe di tossine presenti in quel cocktail chimico che è il veleno dei serpenti – e dei pochi mammiferi velenosi, tra cui i toporagni e i solenodonti.

A che serviranno? Le callicreine in particolare causano un rapido abbassamento della pressione sanguigna, e possono portare la vittima all'immobilità o addirittura alla morte. Le callicreine, però, sono presenti anche nel liquido salivare di molti mammiferi, tra cui i topi e noi umani; ma hanno una forma diversa, e soprattutto non tossica: ancora oggi non sappiamo di preciso quale sia il loro ruolo nella nostra saliva.

Le somiglianze tra le diverse callicreine sono note da tempo: finora, quello che mancava era la tecnologia genetica necessaria per tracciarne la storia completa. È quello che ha fatto il team guidato da Agneesh Barua, che è riuscito a ricostruire l'intero albero evolutivo dei geni che producono queste proteine nei vertebrati, scoprendo che le callicreine umane e quelle dei serpenti si sono evolute a partire da un unico gene ancestrale, presente in un qualche antenato comune di rettili e mammiferi. Stando allo studio, tra l'altro, questo significa che le proteine che abbiamo nella saliva hanno la potenzialità di diventare tossiche.

Non è detto che... Ciò non vuol dire ovviamente che anche noi umani prima o poi evolveremo una qualche forma di veleno: come spiega Barua, «produrre veleno è molto costoso dal punto di vista energetico, e ci dev'essere una forte pressione ecologica che ti spinge a evolverlo. La maggior parte dei mammiferi, e noi umani in particolare, non abbiamo questa pressione».

11 gennaio 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Da Suzy Solidor ad Alice Prin, da Luisa Casati a Dora Maar. Ambizioni, amori, talenti ed eccentricità delle donne che hanno ispirato i più grandi artisti del Novecento (e non solo). E ancora: dalle latrine romane al trono-gabinetto del Re Sole, la storia del bagno e dei nostri bisogni più intimi; i prìncipi secondogeniti che si sono ribellati alle leggi di successione, e ne hanno combinate di tutti i colori.

ABBONATI A 29,90€

Alla scoperta della pelle, l’organo più esteso del corpo che si rinnova in continuazione e definisce il nostro aspetto. E ancora: come funziona il nuovo farmaco per il tumore della mammella; le ultime meravigliose sorprese della Via Lattea; l'addestramento degli equipaggi degli elicotteri di salvataggio; dove sono le riserve maggiori di gas e con quali tecniche si estrae e distribuisce.

ABBONATI A 31,90€
Follow us