Animali

Il successo del tarlo asiatico è scritto nei geni

Il coleottero, tra le più aggressive specie aliene, può contare su un arsenale di enzimi che favoriscono la rapida digestione dei più diversi tipi di legno.

Le abitudini alimentari all'origine del successo ecologico del tarlo asiatico, il famigerato coleottero venuto dall'Oriente ghiotto di verde urbano, sono dovute a un unico set di geni, che gli consente di digerire facilmente legname dalla provenienza più disparata.

L'insetto invasivo che si nutre di tronco e corteccia delle piante cittadine, e che nei parchi occidentali ha pochi predatori noti, può contare, rispetto ad altri coleotteri, su un arsenale genetico che gli permette di estrarre le massime quantità di energia dalla sua dieta a base di legno, e di sbarazzarsi facilmente delle sostanze chimiche dannose che essa comporta.

All'origine del problema. I ricercatori dell'Università di Memphis hanno confrontato il DNA del tarlo asiatico del fusto (Anoplophora glabripennis) con quello di altri 14 insetti meno "di bocca buona". La specie studiata è morfologicamente simile al tarlo asiatico che si trova, per esempio, in Lombardia (Anoplophora chinensis).

Digestione efficiente. Il tarlo asiatico del fusto presenta oltre 1000 geni non riscontrabili in altri insetti artropodi. Tra questi geni, ben 86 (un numero insolitamente alto) codificano per gli enzimi della famiglia glicoside idrolasi, che permettono all'animale di degradare tutti i principali polisaccaridi presenti nelle cellule delle piante, e ottenere gli zuccheri necessari alla sopravvivenza.

Molto adattabile. Soprattutto, si tratta di enzimi molto diversi tra loro, un fatto che permette all'insetto di nutrirsi di una gamma di piante incredibilmente alta, in ogni angolo di Terra. La ricerca dà ragione della pervasività di questa e altre simili specie invasive, e fornirà forse strumenti per contrastarne l'avanzata.

13 novembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us