Animali

Il segreto del successo dei dinosauri era nelle zampe

I dinosauri avevano diversi modi per camminare o correre: questo ha dato loro un notevole vantaggio per la sopravvivenza, sbaragliando la concorrenza.

Perché i dinosauri dominarono la Terra per milioni di anni, arrendendosi solo all'arrivo di un corpo celeste? In più di due secoli di studi, ci siamo dati le risposte più disparate: erano più grossi, più feroci, magari semplicemente più numerosi. Uno studio pubblicato su Royal Society Open Science suggerisce però che il loro vero segreto potesse essere nelle loro zampe: c'erano dinosauri bipedi e quadrupedi, dinosauri che correvano e altri che si muovevano lentamente ma inesorabilmente, e questa varietà di metodi di locomozione è stata alla base del loro successo ecologico.

Prima dell'asteroide. L'epoca dei dinosauri fu un periodo di particolare turbolenza sul nostro Pianeta, ben prima dell'arrivo dell'asteroide Chicxulub 66 milioni di anni fa. I dinosauri in particolare comparvero all'inizio del Triassico, 250 milioni di anni fa, quando si separarono da un altro gruppo di rettili che comprendeva anche gli antenati dei moderni coccodrilli. Questi ultimi erano per la maggior parte quadrupedi, e si muovevano strisciando sul terreno come i loro discendenti.

Vantaggio per la sopravvivenza. Al contrario, i primi dinosauri erano bipedi e potevano correre e spiccare balzi: erano quindi predatori più efficaci, ma anche altrettanto bravi a evitare di diventare prede. Questo diede loro un enorme vantaggio in un'era che arrivava subito dopo un'estinzione di massa (quella tra Permiano e Triassico), e nella quale quindi c'era una scarsità di cibo generalizzata.

Da bipedi a quadrupedi. Tra Triassico e Giurassico, poi, si verificò un'altra estinzione di massa, meno "famosa" e anche meno devastante delle cosiddette grandi estinzioni, ma che contribuì comunque a spazzare via quasi tutti gli antenati dei coccodrilli, a eccezione di quelli che poi sono arrivati fino a noi. Questo liberò una grande varietà di nicchie ecologiche, che i dinosauri poterono riempire rapidamente: alcuni rimasero bipedi, altri passarono alla postura quadrupede e crebbero di dimensioni. In questo modo divennero le forme di vita dominanti sul pianeta. Aiutati, è vero, anche da altri adattamenti, come la capacità di termoregolarsi usando le piume e quella di respirare in maniera più efficiente; ma a dare loro la prima spinta fu il modo in cui camminavano, correvano e saltavano.

2 marzo 2024 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us