Animali

Il salto della formica

Fanno salti estremi senza usare il bungee jumping. Sono le formiche della Costa Rica che si catapultano in aria usando solo le mascelle.

Il salto della formica
Fanno salti estremi senza usare il bungee jumping. Sono le formiche della Costa Rica che si catapultano in aria usando solo le mascelle.

Le sue prede non hanno scampo.
Questa formica riesce inoltre
a “spararsi” come un proiettile
a diversi centimetri di distanza, grazie
al suo morso. © PNAS

Qual è l’animale che riesce a muovere una qualsiasi parte del corpo più velocemente? La formica. E più precisamente la Odontomachus bauri una formica della Costa Rica studiata da alcuni scienziati dell’università di Berkeley (Usa).

Una trappola naturale
Le mascelle di queste formiche, infatti, si possono chiudere a una velocità di 100 km/h. Quando sta per attaccare una preda, apre lentamente la bocca contraendo i muscoli della mascella che, non appena viene sfiorata da qualcosa, si richiude scattando come una trappola a molla.
In questo modo la vittima è imprigionata in un batter d’occhio, anzi molto di più: il morso della Odontomachus è 2.300 volte più veloce del battito di un occhio.

Si salvi chi può
Ma l’abile formica usa il morso anche per salvarsi la pelle. Davanti a un pericolo fa un balzo, e per darsi la spinta "morde" il terreno. Se "azzanna" qualcosa di troppo duro per essere schiacciato, infatti, la potenza sprigionata dalle sue mascelle la catapulta verso l’alto. Dopo un volo anche di 8 centimetri in altezza (che equivalgono a 13 metri per noi), la formica grazie al suo corpo leggerissimo riesce ad atterrare senza ammaccature o ferite.
L’uso di questo stratagemma, secondo gli esperti, dimostra che nel regno animale un unico sistema “meccanico” può essere usato in diverse situazioni e per scopi diversi.

(Notizia aggiornata al 22 agosto 2006)

22 agosto 2006
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us