Animali

Il sacrificio annunciato delle colombe del Papa

Il candore immacolato dei due pennuti è di richiamo immediato per gli uccelli più aggressivi: così i volatili simbolo di pace sono volati verso una fine che gli si poteva forse risparmiare.

Non è la prima volta che le colombe della pace liberate durante l'Angelus del Papa in Piazza San Pietro finiscono nelle grinfie di pennuti più aggressivi. Ma quest'anno la tragica fine di uno dei due candidi volatili - dilaniato in pochi secondi da un gabbiano - ha suscitato l'indignazione di molti su Twitter, nonché le critiche ufficiali dell'Ente Nazionale Protezione Animali (ENPA).

Destino segnato
C'è chi ha voluto leggere nel duplice attacco subito dai pennuti (il secondo è stato aggredito da una cornacchia ma è riuscito a sopravvivere) segnali apocalittici e nefasti presagi. Ma il motivo per cui le colombe, simbolo di purezza e fratellanza per la tradizione cristiana, vengono prese di mira dai loro simili è puramente scientifico, e ha a che fare con il loro eccezionale candore.

Il bianco immacolato del manto delle colombe non esiste in natura: è stato ottenuto in centinaia di anni di addomesticazione e incroci. I piccioni che normalmente affollano le piazze italiane hanno in genere un piumaggio grigio, nero o marroncino. In ogni caso, sfumato e mai solamente bianco. Una volta liberate, le colombe della pace saltano quindi subito all'occhio; gli uccelli più aggressivi - come appunto, gabbiani e cornacchie - le individuano subito come diverse. La stessa infelice sorte tocca, in altri contesti, a molti animali albini.

Bianchi per caso
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Senza difese
Escluso il mimetismo, dunque, le colombe dovrebbero puntare su altre tecniche di difesa. Ma avendo trascorso l'intera vita in allevamento, presumibilmente in una gabbia, non sanno far fronte alle minacce esterne, che si tratti di un altro uccello o di uno dei pericoli della città. Non sono abituate a riconoscere i predatori come tali, né sanno sottrarsi a situazioni rischiose come lo scontro con un'automobile. E a meno che non riescano a rientrare nelle finestre papali, in cerca di caldo, non passano molte ore prima che facciano una brutta fine.

Per questo l'ENPA si sta facendo portatore di un appello in cui si chiede al Pontefice, da sempre sensibile al tema della tutela animale, di salvaguardare anche questi animali, inconsapevoli portatori del peso di una tradizione millenaria.

Ti potrebbero interessare anche:

Come fanno i piccioni a trovare la strada di casa
Le autostrade del cielo? Per i piccioni non esistono
Il passaparola gracchiante delle cornacchie

Vita selvaggia: gli scontri mozzafiato tra prede e predatori
VAI ALLA GALLERY (N foto)

28 gennaio 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us