Animali

Il ragno che costruisce un falso ragno per ingannare i predatori

Una specie di aracnide recentemente osservata in Amazzonia riproduce un'esca gigante sulla tela utilizzando foglie secche, rametti e insetti morti per spaventare eventuali disturbatori.

Quello che vedete non è un ragno, ma l'artefatto di un ragno: il prodotto di un lavoro di astuzia realizzato per far credere a chiunque abbia intenzione di avvicinarsi che il padrone di questa tela sia molto più grande di quanto non sia nella realtà.
Il finto aracnide che campeggia sulla ragnatela è un insieme di foglie secche, ramoscelli, insetti morti, polveri e tutto ciò che si può trovare nell'Amazzonia Peruviana, dove il creatore di questo capolavoro è stato scoperto.

Anche se la figura di ragno davanti a noi è grande più o meno 2 centimetri e mezzo, il suo artefice non supera i 5 millimetri di lunghezza. Secondo gli esperti il ragnetto apparterrebbe al genere Cyclosa, conosciuto per l'abitudine di costruire esche utilizzando i gusci vuoti delle proprie uova o gli scarti delle prede. Mai prima d'ora tuttavia si era osservato un travestimento così perfetto, per di più a forma di ragno, con tanto di zampe in bella mostra.

Ragni da paura: una gallery sconsigliata agli aracnofobici

Un intero paese ricoperto dalle ragnatele: è successo davvero, in Australia

Il piccoletto - come ha osservato il biologo ed entomologo americano Phil Torres, suo scopritore - si muove avanti e indietro sulla tela facendo ondeggiare l'esca e inducendo i predatori a colpire il ragno posticcio anziché l'originale. È ancora presto per capire se si tratti di una nuova specie. Prima di affermare ciò il ragno dovrà essere comparato con altri esemplari appartenenti allo stesso genere, quindi la scoperta dovrà essere pubblicata su una rivista scientifica specializzata e verificata dagli entomologi più esperti.

Guarda anche il ragno più grande del mondo

29 dicembre 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us