Animali

Il primo caso di aviaria in un orso bianco

Per la prima volta un orso polare dell'Alaska è morto dopo aver contratto l'influenza aviaria dalla carcassa di un uccello malato.

L'influenza aviaria è nota da più di un secolo. La versione che circola negli ultimi anni, definita HPAI (highly pathogenic avian influenza, cioè "influenza aviaria altamente patogena"), è però particolarmente preoccupante: dal 2022 si segnalano focolai sempre più diffusi, che hanno portato alla morte milioni di uccelli anche in Europa e negli Stati Uniti.

E ora dall'Alaska arriva un'altra pessima notizia relativa al virus: per la prima volta, a restarne vittima è stato un orso polare, come riportato dall'Alaska Department of Environmental Conservation. È il primo animale al mondo appartenente a questa specie a contrarre l'aviaria – almeno per quanto ne sappiamo finora.

Negli allevamenti. L'attuale epidemia di aviaria, causata dal virus H5N1, circola ormai dal 2005, quando vennero registrati i primi casi su uccelli di allevamento nel sud est asiatico. Negli anni è arrivata fino in Europa, e dal 2022 in particolare si sono registrati i primi focolai di grandi dimensioni, scoppiati in diversi allevamenti tra Ungheria, Olanda, Germania, Croazia, Francia e anche Italia.

Orsi, volpi e... Anche negli Stati Uniti la variante HPAI è arrivata nel 2022, e in quello stesso anno, sempre in Alaska, fu ritrovata la prima vittima non-aviana: un cucciolo di orso bruno, al quale nei mesi si sono "uniti" un orso nero e tre volpi. Nell'ottobre del 2023, poi, è stato scoperto il cadavere dell'orso bianco del quale parliamo: è stato ritrovato nei pressi della città di Utqiagvik, e sottoposto ad autopsia e successive analisi che, lo scorso mese, hanno confermato che l'animale è morto dopo aver contratto l'aviaria.

Il virus sopravvive. Gli è successo con ogni probabilità perché ha divorato il cadavere di un uccello infetto dal virus: le basse temperature dell'Alaska consentono a H5N1 di sopravvivere per qualche tempo anche dopo la morte dell'ospite, e quindi di aspettare pazientemente di venire "raccattato" da qualche altro sfortunato animale.

L'orso polare. In questo caso la vittima è stata un orso bianco: è la prima volta che questa specie viene colpita dalla malattia, ma gli esperti dell'Alaska Department of Environmental Conservation sono convinti che non si tratti dell'unico caso, ci sono altri orsi che hanno avuto la stessa sorte, non ancora individuati. Vale la pena ricordare che l'orso polare è considerato una specie vulnerabile, che sta subendo gli effetti dei cambiamenti climatici e in particolare lo scioglimento dei ghiacci artici tra i quali vive: sapere che è potenzialmente vulnerabile a una malattia così letale che in inglese è nota anche come "peste degli uccelli" non è una buona notizia.

7 gennaio 2024 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us